REGIONE: I SICILIANI HANNO DEBITI PER 1.077 EURO PRO CAPITE

REGIONE: I SICILIANI HANNO DEBITI PER 1.077 EURO PRO CAPITE

“Da un conteggio effettuato dalla Corte dei conti, la Regione ha un debito di oltre 5 miliardi, somma lievemente superiore all'anno scorso”.

Print Friendly, PDF & Email

Regione. Secondo la Corte dei conti la Regione Siciliana ha un debito di 5 miliardi e 385 milioni. In soldoni, ogni siciliano è esposto nei conti regionali per 1.077 euro. Il dato, lievemente superiore a quello dell’anno scorso, ed è spiegato dalla relazione della Corte dei conti per il giudizio di parificazione del consuntivo della Regione per il 2012. La Corte inoltre, esprime critiche su alcune operazioni finanziarie in derivati e sulle condizioni dei rapporti con le banche destinate a peggiorare. Le agenzie internazionali hanno infatti declassato, a partire dal 2011, i rating assegnati alla Regione. Hanno pesato, spiega la Corte, per il “deterioramento della performance operativa della Regione” e le “previsioni negative sull’andamento economico nazionale e regionale”. Con questo andamento alla Corte sembra indispensabile l’adozione di idonei strumenti di protezione sin qui non predisposti”.

il presidente della Regione Siciliana Rosario Crocetta in merito al parere della Corte dei Conti ha detto: “Mi sembra una relazione molto puntuale che riconosce, oltre ai problemi che vengono dal passato, che già nel 2013 ci sono delle azioni che vengono da questo governo che rendono sicuri e attendibili i bilanci” puntualizza. La flessione della spesa per il personale della Regione siciliana nel 2012 è imputabile da una parte al calo del dato occupazionale e dall’altro al contenimento della dinamica retributiva che risente della mancata definizione della contrattazione collettiva e delle relative misure legislative” spiega il consigliere delle sezioni Riunite della Corte dei conti in sede di controllo per la Regione siciliana Anna Luisa Carra durante la relazione introduttiva. Sono oltre 20 mila i dipendenti regionali – continua Crocetta – il numero di quelli in servizio presso i vari rami dell’amministazione si è attestato a quota 17.700 unità (-1,6% rispetto al 2011) ai quali si sommano 2.513 unità che la Regione indica come personale ad ‘altro titolo utilizzato”.

Continuando il presidente ha aggiunto: “Altri consistenti e ulteriori oneri che più o meno direttamente gravano sul bilancio regionale – ha sottolineato – sono quelli per il personale stagionale avviato dal Corpo forestale della Regione e dell’Azienda regionale foreste demaniali, che ammontano a 322 milioni di euro, nonchè i costi del personale delle società partecipate regionali che superano la cifra di 257 milioni di euro, in gran parte afferenti a società totalitarie o maggioritarie (200 milioni). Poi ha concluso: “Si consideri anche tra i costi indiretti più rilevanti la somma che la Regione trasferisce agli enti locali quale contributo per il pagamento delle retribuzioni del personale precario stabilizzato, che ammontano a 229 milioni di euro. Nonostante la flessione degli ultimi anni il fattore occupazionale resta quello preponderante tra quelli che nel tempo hanno determinato l’innalzamento e l’irrigidimento della spesa”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook