Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

PALERMO: MICCOLI PENTITO CHIEDE SCUSA PER FALCONE

PALERMO: MICCOLI PENTITO CHIEDE SCUSA PER FALCONE

“L’ex capitano rosanero, indagato per estorsione e accesso abusivo a sistema informatico ha tenuto una conferenza stampa durante la quale ha manifestato tra le lacrime tutto il suo rammarico e pentimento per le parole che ha detto, poi ha ribadito di non essere un mafioso e di aver dato la sua amicizia a tutti”.

Print Friendly, PDF & Email

Palermo. Fabrizio Miccoli ha convocato una conferenza stampa per chiare la vicenda sull’indagine in cui è coinvolto. Il calciatore rosanero è indagato per estorsione e accesso abusivo a sistema informatico, avrebbe commissionato al suo amico Mauro Lauricella – figlio di Antonio, boss del quartiere Kalsa, (detto U Scintilluni), arrestato nel settembre 2011 dopo un periodo di latitanza – la riscossione di una somma di denaro dai gestori di una discoteca di Isola delle Femmine, in provincia di Palermo, e avrebbe inoltre convinto il titolare di un centro di telefonia a intestare alcune sim a ignari clienti per darle in uso a Lauricella proprio nel periodo in cui il padre di quest’ultimo era ricercato.

Durante l’incontro con i giornalisti era molto teso e poi ha esposto le sue verità: “Chiedo scusa a Palermo, alla mia famiglia, per tutto quello che ho fatto. Da tre notti non dormo. Sono uscite cose che non penso. Ho sempre partecipato alle partite del cuore per onorare la memoria dei magistrati uccisi. Sono distrutto. Sono cresciuto in un contesto di valori. Chiedo scusa alla famiglia Falcone e a tutti. Avevo già contattato la signora Falcone. Lei mi ha detto che bastava chiedere scusa a tutta Palermo. E sono qui per questo”.   “Non sono mafioso, sono contro la mafia e voglio dimostrarlo. Ho cercato di non essere in questi anni il capitano del Palermo, ma Fabrizio per tutti. Ho trascurato la mia famiglia per essere un palermitano. Ho frequentato tutti pensando che mi potessero dare vera amicizia, ho sbagliato”.

Il calciatore ha parlato della vicenda giudiziaria nella quale è indagato dalla procura di Palermo per estorsione e accesso abusivo a sistema informatico per avere usufruito di quattro schede telefoniche intestate a terzi, nell’ambito delle indagini che coinvolgono Mauro Lauricella, figlio del boss della Kalsa . “Sono contento che sia uscito tutto – ha  detto – Ho voluto essere amico di tutti, della città. Quando finirà questa storia voglio fare il testimonial della legalità. Spero che la signora Falcone me lo permetta, voglio partecipare alla sua associazione”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook