Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

NISCEMI (CL): TENTA DI UCCIDERE LA MOGLIE E POI SI SPARA

NISCEMI (CL): TENTA DI UCCIDERE LA MOGLIE E POI SI SPARA

“Giuseppe Incarbone, 52 anni, è in coma ricoverato al Civico di Palermo. Illesa la coniuge. L’obiettivo di Incarbone era uccidere la ex moglie, si è recato nel bar in dove lavorava e preso da follia omicida ha esploso 5 colpi di pistola. Durante la sparatoria sono rimasti feriti i due titolari del locale”.

Print Friendly, PDF & Email

Niscemi. L’obiettivo era uccidere la moglie. Giuseppe Incarbone, 52 anni, ieri sera in preda a follia omicida, si è recato nel bar dove lavora la moglie  – dalla quale si era separato da poco – e le ha sparato 5 colpi di pistola, mancandola, ma ferendo i proprietari del locale che tentavano di fermarlo. Poi è tornato a casa e si è sparato alla testa. Ora  Incarbone è in coma, in gravissime condizioni. L’uomo è stato trasportato al Civico di Palermo dove si trova ricoverato in rianimazione. La moglie, Rosangela Lodato, 49 anni, durante la sparatoria è rimasta, fortunatamente illesa. I due feriti sono, il proprietario del locale, Francesco Ferrera, 54 anni, colpito al torace, che è stato trasferito al Cannizzaro di Catania, e la moglie del ristoratore, Gina Di Vincenzo, 53 anni, è stata operata all’addome nell’ospedale di Gela. Secondo una prima ricostruzione dei fatti, effettuata dal commissariato di polizia di Niscemi, Francesco Ferrera, proprietario del bar avrebbe invitato i due ad andare a discutere fuori. Per tutta risposta, il panettiere gli avrebbe sparato tre colpi di pistola al collo, alla clavicola e al torace. La moglie del ristoratore, Gina Di Vincenzo, che si trovava in cucina, sentiti gli spari sarebbe accorsa in sala e vedendo il marito ferito e sanguinante, avrebbe inveito contro Incarbone, che ha sparato altri due colpi contro di lei. Una telecamera del sistema di video sorveglianza dell’edifico di fronte al ristorante ha ripreso alcune scene. I due feriti sono fuori pericolo.

I coniugi Incarbone si sono separati dopo 35 anni di matrimonio dal quale sono nati quattro figli, due dei quali sono già sposati. La ex di Incarbone si è salvata rifugiandosi nel bagno dell’esercizio commerciale. Si pensa che il violento raptus sarebbe scattato dopo la notifica del provvedimento ufficiale di separazione. Forse gelosia e questioni di interesse, avrebbero indotto il panettiere a commettere il folle gesto finito in tragedia e convincere la moglie a tornare con lui oppure a consentirgli di occupare una delle stanze dell’abitazione che il magistrato aveva assegnato esclusivamente.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook