Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

REGIONE SICILIANA: FAVORI, VIAGGI E SOLDI, GDF ARRESTA 17 PERSONE

REGIONE SICILIANA: FAVORI, VIAGGI E SOLDI, GDF ARRESTA 17 PERSONE

“In manette due ex assessori Gianmaria Sparma e Luigi Gentile e il project manager Fausto Giacchetto, che avrebbe pagato tangenti e regalato vacanze in cambio di finanziamenti per l'ente di formazione Ciapi e l'aggiudicazione di bandi sulla comunicazione. La guardia di finanza smaschera comitato d'affari che da anni, per mezzo di corruttele di politici e dirigenti pubblici, manovrava le gare dei grandi eventi in Sicilia”

Print Friendly, PDF & Email

Regione Siciliana. Sono 17 le persone coinvolte nell’operazione che ha condotto la Gurdia di finanza. Dodici sono finite in carcere e cinque agli arresti domiciliari. Gli indagati si sarebbero appropriati anche di fondi comunitari destinati al finanziamento di progetti per la formazione professionale. L’inchiesta è stata coordinata dalla Procura di Palermo. I finanzieri hanno scoperto un comitato d’affari che da anni, per mezzo di politici e dirigenti pubblici e l’emissione di fatture per operazioni inesistenti, manovrava gli appalti dei grandi eventi in Sicilia. I militari hanno anche sequestrato il capitale sociale e i beni di cinque società e denaro riconducibile agli indagati per un valore di 28 milioni di euro. Cinquanta le perquisizioni eseguite nelle abitazioni e negli uffici delle persone coinvolte che sono accusate di corruzione, illecito finanziamento ai partiti, frode fiscale e truffa.

A capo del comitato d’affari ci sarebbe stato, il project manager Fausto Giacchetto, già indagato, che avrebbe pagato tangenti, regalato viaggi e fornito escort a pubblici funzionari e politici, in avtrebbe ricevuto finanziamenti per un ente di formazione, il Ciapi, e l’aggiudicazione di bandi regionali sulla comunicazione. Giacchetto è finito in carcere con la moglie e la segretaria. A svelare i meccanismi della corruzione sarebbero stati due collaboratori di Giacchetto. Oltre ai 17 arrestati l’inchiesta coinvolge una quarantina di persone che sono indagate. Nell’indagine figurano anche due ex assessori regionali, Gianmaria Sparma e Luigi Gentile, che in passato hanno avuto rispettivamente la delega all’ambiente e ai Lavori Pubblici. Oltre a Giacchetto, indicato come il “cervello” della truffa sono stati arrestati: Stefania Scaduto, Francesco Riggio, Pietro Messina, Concetta Argento, Claudio Lo Nigro, Domenico Di Carlo, Luciano Muratore e Antonino Belcuore. I domiciliari sono stati concessi a Carmelo Bellissimo, Sandro Compagno, Massimo Sala, Elio Carreca e Bruno Devita. Una persona, di cui ancora non è stata resa nota l’identità, è tuttora ricercata.

Tra gli indagati risulterebbe anche l’ex amministratore delegato del Palermo calcio, Rinaldo Sagramola. Secondo gli inquirenti, Giacchetto avrebbe acquistato spazi pubblicitari dal Palermo calcio fatturando cifre superiori a quelle pagate. Parte del denaro sovrafatturato sarebbe servito a ripagare gli abbonamenti per la stagione calcistica in tribuna vip, che poi il manager avrebbe girato a politici amici per ingraziare dei favori ricevuti. Secondo quanto trapelato, sono stati iscritti nel registro degli indagati, a vario titolo, il senatore del Pdl Francesco Scoma, l’ex assessore regionale al lavoro, Lino Leanza, l’ex presidente dell’Ars Francesco Cascio e il presidente della commissione bilancio dell’Ars Nino Dina.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook