Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

INGROIA NON SI DIMETTE E SCEGLIE DI DECADERE DAL SERVIZIO

INGROIA NON SI DIMETTE E SCEGLIE DI DECADERE DAL SERVIZIO

“Il sostituto procuratore palermitano e leader di rivoluzione civile ha deciso di non rassegnare le dimissioni dalla magistratura. Ha deciso invece di decadere dal servizio. Ingroia invierà una lettera al Csm, al Ministero di Grazia e Giustizia e alla Procura di Aosta per spiegarne le ragioni”

Print Friendly, PDF & Email

Ingroia. il procuratore capo di Aosta, Marilinda Meneccia ha riferito che il sostituto procuratore Antonio Ingroia anzichè presentare le dimissioni ha scelto di “decadere” dal servizio come magistrato assegnato alla Procura di Aosta. Ingroia non ha firmato la lettera di dimissioni dalla magistratura – egli ha annunciato che invierà una lettera al Csm, al Ministero di Grazia e Giustizia e alla Procura di Aosta per spiegare le ragioni per le quali non si presenterà domani, allo scadere delle ferie, in servizio, facendo così scattare la decadenza. Affinchè la procedura venga completata, sono necessari alcuni giorni.

Il sostituto procuratore Antonio Ingroia, scegliendo di decadere dall’incarico, quindi, non presentandosi domani nella sede giudiziaria di Aosta dove sarebbe dovuto rientrare in servizio dopo le ferie, iene aperta la strada per poter chiedere al Csm, nei prossimi due anni, di tornare ad esercitare le funzioni di magistrato. Al contrario, se avesse firmato le dimissioni, la scelta sarebbe divenuta irrevocabile non consentendogli più passi indietro. La notizia è trapelata da fonti della magistratura che conoscono bene i meccanismi che regolano le procedure di Palazzo dei Marescialli e che fanno notare come sia stata la giurisprudenza della Corte dei Conti a prevedere la possibilità di rientro in servizio dopo la decadenza. “Il fatto che il vicepresidente del Csm Vietti se la sia cavata con la battuta ‘ce ne faremo una ragione’ riguardo alle mie dimissioni – ha commentato Ingroia – non è certamente stato elegante”,. “C’è un po’ di amarezza – ha aggiunto – perché non ho avuto riconoscimenti per il lavoro fatto, 25 anni dedicati allo Stato senza risparmiare nulla, energie, rischi personali, sacrifici della vita privata. La politica è stata ingenerosa verso di me”.  Nei prossimi due anni, a decidere sull’eventuale richiesta di rientro dell’ex pm di Palermo, avrà competenza il Csm.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook