Archiviato in | Ambiente, Cronaca, Cronaca Regionale

GELA (CL): PETROLIO IN MARE, CESSATA L’EMERGENZA

GELA (CL): PETROLIO IN MARE, CESSATA L’EMERGENZA

“Emergenza petrolio, le analisi dell'Arpa su campioni di acqua e sabbia hanno verificato un graduale ritorno nella norma dei valori. Il personale con i mezzi antinquinamento a disposizione hanno lavorato incessantemente per depurare la zona, ma hanno continuato la bonifica dopo la segnalazione di un'altra chiazza oleosa che hanno eliminato”

Print Friendly, PDF & Email

Gela. Terminato l’allarme petrolio sul mare di Gela in provincia di Caltanissetta. Lo hanno comunicato il sindaco Angelo Fasulo e i responsabili dell’ufficio d’igiene dell’Asp n.2 di Caltanissetta, evidenziando che le analisi chimico-fisiche dell’Arpa su campioni di acqua marina e sabbia effettuati in più punti del litorale hanno accertato un ampio ritorno nella norma dei valori di balneabilità e fruibilità delle spiagge. Così, cessa l’emergenza inquinamento scattata una settimana fa, dopo lo sversamento – nel fiume Gela e poi a mare – di quasi una tonnellata di petrolio provocata da una perdita durante le fasi di lavorazione nell’impianto Topping 1 della raffineria Eni della cittadina. Nelle operazioni di bonifica hanno lavorato in maniera continua decine di uomini. Intanto, altro petrolio è stato individuato nella zona di mare a ridosso del braccio di ponente del porto-rifugio di Gela, dove è stata segnalata la presenza di una macchia oleosa di idrocarburi. Il personale con le imbarcazioni antinquinamento sono intervenuti sul luogo mettendo al sicuro l’area con barriere galleggianti e assorbenti, mentre con l’utilizzo delle idrovore è stato aspirato il prodotto in superficie.

Secondo i tecnici potrebbero essere due le ipotesi sulla presenza di petrolio in mare, il ritorno verso riva di una parte di idrocarburi causati dalla perdita di una settimana fa, oppure, la perdita di carburante dal vecchio relitto sommerso della nave “New Rose”, inabissato durante la mareggiata del 1991. Ora si attendono i risultati delle inchieste avviate sia dalla direzione aziendale, per appurare le cause del grave incidente, sia quella avviata per conto della Procura dalla Capitaneria di porto per accertare le responsabilità civili e penali dell’inquinamento ambientale.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook