Archiviato in | Politica, Politica Regionale

REGIONE SICILIANA: MINISTRO D’ALIA A CROCETTA, GIUNTA ESPRESSIONE DELLA MAGGIORANZA O UDC FUORI

REGIONE SICILIANA: MINISTRO D’ALIA A CROCETTA, GIUNTA ESPRESSIONE DELLA MAGGIORANZA O UDC FUORI

“Il ministro D'Alia avverte il Presidente Crocetta che la sua giunta regionale sia espressione della maggioranza, altrimenti l'Udc si tirerà fuori”.

Print Friendly, PDF & Email

Regione Siciliana. In una intervista al Giornale di Sicilia il ministro D’Alia dichiara: “Se Crocetta intende trasformare questa esperienza di governo nell’ennesima riedizione del lombardismo – noi ci tiriamo fuori”. E ancora: “Crocetta sta portando avanti una guerra ai partiti che lo sostengono, invece di interloquire con loro. Mi chiedo perché continui ad alimentare partitini satelliti che fanno del qualunquismo il lodo unico motivo di esistenza. Così non rafforza la coalizione e si comporta come Lombardo”. Concludendo il ministro D’Alia dice: “La giunta deve essere espressione di una maggioranza politica. E oggi questa maggioranza non c’è anche per colpa di alcune scelte di Crocetta. Manca un tavolo della coalizione e bisogna capire che il periodo di rodaggio è finito. Il rimpasto viene fuori dopo le scelte sul programma da portare avanti. Si fa solo se serve”. Il ministro per la Pubblica amministrazione Giampiero D’Alia e segretario regionale dell’Udc avverte e ricorda al presidente della Regione Rosario Crocetta che il suo partito ha mantenuto la stessa forza ed è il Megafono sovradimensionato in giunta, poi rimarca: “il Megafono, ha più assessori che voti”.

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook