PALERMO: LABORATORI ANALISI, SIT IN DEI BIOLOGI

PALERMO: LABORATORI ANALISI, SIT IN DEI BIOLOGI

“La protesta si svolge davanti alla sede dell'assessorato regionale alla Salute contro l'introduzione del nuovo tariffario”

Print Friendly, PDF & Email

Palermo. Sono giunti da ogni parte della Sicilia per manifestare in modo pacifico il loro dissenso ai recenti provvedimenti dell’assessore Lucia Borsellino che secondo i laboratori privati d’analisi mette a rischio la stessa sopravvivenza delle strutture e rischia di alimentare centinaia di licenziamenti. I biologi siciliani stanno manifestando a Palermo davanti alla sede dell’assessorato regionale alla Salute di piazza Ottavio Ziino dove si sono concentrati circa 300 manifestanti provenienti da tutte province siciliane, motivo della protesta: l’introduzione da parte del governo Crocetta del nuovo tariffario. Le associazioni di rappresentanza dei laboratori ribadiscono che l’applicazione del decreto Balduzzi comporta una perdita di remunerazione del 40% con riflessi sul versante occupazionale e sul mantenimento delle strutture. La Borsellino si faccia da tramite con il ministro ribadiscono gli interessati. La serrata dei laboratori di analisi che era iniziata quattro giorni fa intanto prosegue. I sindacati, questa mattina hanno anche chiesto un incontro con l’assessore regionale alla Salute Lucia Borsellino. Il tavolo dovrebbe riguardare, tra le altre cose, anche l’introduzione di una legge quadro, che istituisca nuove tariffe, sulla base di quelle alle quali sta lavorando il ministero. Nei giorni scorsi le associazioni avevano anche chiesto al governo di bloccare il decreto, in attesa della pronuncia del Tar del Lazio proprio sulle tariffe previste dal decreto Balduzzi.

Il presidente di FederLab Sicilia Gabriele Salvo, rappresentante di 89 laboratori su 468 organismi accreditati in Sicilia evidenzia che “Ieri il Tar del Lazio dopo la discussione nel merito della questione relativa al nuovo tariffario nazionale previsto dal decreto Balduzzi, ha disposto che il ministero della Salute documenti, con dati di fatto, quanto asserito nella nota presentata dall’Avvocatura dello Stato, ancorchè la nota sia stata depositata ben oltre i termini consenti dalla legge. Se il tribunale dovesse cassare quelle tariffe, in Sicilia si verrebbe a creare una vacatio normativa, ci ritroveremmo ad aver applicate le tariffe ancora più basse previste dal decreto Bindi , che è un decreto ‘inesistentè, perchè è stato annullato da una sentenza del Consiglio di Stato”. Poi Salvo aggiunge: “Chiediamo all’assessore alla Salute di farsi carico delle nostre richieste sottoponendo al ministero il contenuto del documento stilato nell’incontro di lunedi”. Sul tavolo l’accordo che prevede la possibilità per i laboratori di fornire una prestazione aggiuntiva, utilizzando la voce valutazione globale del paziente, peraltro già presente nei tariffari, che permetterebbe, evidenziano i sindacati, di recuperare il 25% delle risorse previste dai tagli, a fronte di un servizio aggiuntivo agli utenti.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook