Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

GELA (CL): MARE IN PERICOLO, PERDITA DI GREGGIO DAL PETROLCHIMICO

GELA (CL): MARE IN PERICOLO, PERDITA DI GREGGIO DAL PETROLCHIMICO

“La causa dell’incidente potrebbe essere la rottura di uno scambiatore di calore, non hanno funzionato i sistemi di sicurezza. L’enorme perdita di greggio parte dal Petrolchimico, mobilitati i mezzi antinquinamento. Il presidente Crocetta convoca con urgenza i vertici Eni: "I gruppi industriali ci devono dire cosa intendono fare per la salute dei cittadini". La Procura sequestra l'impianto”

Print Friendly, PDF & Email

Gela. Questa mattina è scattata l’emergenza ambientale per una densa perdita di petrolio da una tubazione dell’impianto Topping 1 nella raffineria Eni della cittadina. Si pensa che la fuoriscita di greggio sia quasi una tonnellata. Il petrolio, si è riversato sul canale di scarico dell’acqua marina usata per il raffreddamento di alcune apparecchiature della fabbrica. Il liquido ha raggiunto la foce del fiume Gela, e minaccia di inquinare il mare e la spiaggia a est della città. La Capitaneria di porto ha mobilitato le imbarcazioni antinquinamento che già hanno disteso delle barriere galleggianti per impedire al petrolio di espandersi nelle acque attorno alla foce del fiume. Con l’impiego di apposite idrovore lo stanno recuperando a bordo dei natanti opportunamente attrezzati. La situazione secondo l’Eni risulta essere sotto controllo, la macchia è in fase di recupero. Da una prima stima il quantitativo di idrocarburi confluiti nel canale è circa un metro cubo. Una parte di greggio però era già stata trasportata dalla corrente prima che intervenissero i mezzi di bonifica e in queste ore si sta cercando di eliminarla. Il procuratore della Repubblica presso il tribunale di Gela, Lucia Lotti, ha subito disposto il “sequestro per esigenze probatorie e di cautela” degli impianti. Le indagini, avviate dalla direzione aziendale e dalla capitaneria di porto, hanno permesso di accertare una serie di concause all’origine del disservizio.

 

La Procura riferisce dell’avvenuta “rottura di uno scambiatore di calore asservito all’impianto” con conseguente “fuoriuscita dell’emulsione (misto di acqua e greggio) dallo scarico”. A questo si sarebbe aggiunto “il mancato funzionamento della valvola di sicurezza destinata ad impedire la fuoriuscita dell’emulsione stessa, nonché il difetto, nel loro complesso, delle manovre di sicurezza. Solo il fermo totale dell’impianto, avvenuto a distanza di circa un’ora dal verificarsi del problema – redige il magistrato – ha posto fine allo sversamento”. Il procuratore Lotti inoltre ha reso noto che “in relazione ai fatti di inquinamento delle acque e dell’habitat del fiume, si procede per i reati previsti dal codice dell’ambiente, nonché per danneggiamento aggravato e disastro innominato colposo”. Il presidente della Regione Siciliana Rosario Crocetta, venuto a conoscenza della vicenda ha convocato i vertici dell’Eni a Palermo. “L’ennesimo episodio di sversamento a mare di petrolio proveniente dalla raffineria di Gela, all’indomani di una giunta di governo che proprio a Gela ha stabilito di potenziare nelle aree industriali siciliane le strutture di prevenzione sanitaria e cura sulle malattie tipiche dell’industrializzazione, obbliga il governo della Regione ad elevare il livello di soglia dei controlli da effettuare in quei siti”.

“I gruppi industriali petroliferi – continua Crocetta – dovrebbero cominciare a dirci con chiarezza cosa intendono fare rispetto a impianti che hanno bisogno di tanti investimenti e manutenzioni straordinarie, per renderli compatibili con il rispetto dell’ambiente e la sicurezza e la salute dei cittadini. Convocherò immediatamente l’Eni, l’Asp, l’Arpa, l’assessorato alla Salute al Territorio e Ambiente per giovedì prossimo, per approfondire le ragioni di questo ennesimo incidente ambientale, su quali investimenti immediati intende promuovere la raffineria per risolvere la situazione in maniera definitiva. I gruppi industriali petroliferi – conclude il presidente – dovrebbero cominciare a dirci con chiarezza cosa intendono fare rispetto a impianti che hanno bisogno di tanti investimenti e manutenzioni straordinarie, per renderli compatibili con il rispetto dell’ambiente e la sicurezza e la salute dei cittadini”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook