Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CASO SPEZIALE: CORTE D’APPELLO DI MESSINA, REVISIONE INAMMISSIBILE

CASO SPEZIALE: CORTE D’APPELLO DI MESSINA, REVISIONE INAMMISSIBILE

“Secondo i giudici della corte d'appello di Messina non vi è alcun fatto nuovo che possa rimettere in discussione il verdetto. I legali di Speziale già annunciano ricorso in Cassazione”

Print Friendly, PDF & Email

Caso Speziale. la Corte d’appello di Messina dichiara inammissibile l’istanza di revisione del processo di Antonino Speziale, uno dei due tifosi del Catania condannati per omicidio preterintenzionale per la morte, dell’ispettore capo di polizia Filippo Raciti avvenuta il 2 febbraio 2007, in occasione del derby col Palermo disputata allo stadio Massimino. La Corte scrive che”Non c’è alcun reale fatto nuovo” che possa “rimettere in discussione il pur controverso verdetto definitivo”, perché, si legge tutti i rilievi esplicati dalla difesa sono stati: “oggetto di puntale verifica da parte del giudice” competente.

I legali del giovane Speziale, gli avvocati Giuseppe Lipera e Grazia Coco, hanno annunciato ricorso in Cassazione. I difensori del giovane ribadiscono che Raciti sarebbe stato ferito da un Discovery della polizia mentre faceva retromarcia davanti il piazzale dello stadio Massimino. Per i legali sarebbe stato un caso di fuoco amico. Ma per la Corte d’appello di Messina, sulla vicenda pronuncia che “già oggetto di puntuale verifica da parte del giudice di cognizione”. Eguale valutazione è stata adottata dal collegio sulle altre questioni sollevate dal collegio di difesa. “Entro dieci giorni – gli avvocati Lipera e Coco comunicano – presenteremo ricorso alla Corte Suprema di Cassazione: in caso di accoglimento il processo uscirà, finalmente, dalla Sicilia perchè si terrebbe in Calabria. Noi crediamo nell’innocenza di Antonio Speziale”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook