Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

TRATTATIVA STATO-MAFIA: CIANCIMINO NON SARÀ PRESENTE AL PROCESSO

TRATTATIVA STATO-MAFIA: CIANCIMINO NON SARÀ PRESENTE AL PROCESSO

“Massimo Ciancimino, arrestato per evasione fiscale, non potrà partecipare al processo che si svolgerà a Palermo nell'aula bunker del Pagliarelli. Il fratello del magistrato Paolo Borsellino, Salvatore leader del gruppo “Agende rosse” ha detto: "Sono Accuse a orologeria, senza di lui questo processo non sarebbe cominciato". Rinuncerà anche l'ex ministro Mancino”

Print Friendly, PDF & Email

Trattativa Stato-mafia. Il figlio dell’ex sindaco di Palermo Massimo Ciancimino non parteciperà all’udienza del processo sulla trattativa tra lo Stato e la mafia che si svolgerà nel bunker del carcere Pagliarelli. Ciancimino in questo procedimento è stato chiamato come testimone ed è stato arrestato mercoledì scorso per evasione fiscale, che è venuta fuori da un’indagine della Dda di Bologna e poi passata per competenza a Ferrara, infatti Ciancimino è accusato di aver evaso al fisco 30 milioni. Non sarà presente neanche l’ex ministro Nicola Mancino che ha deciso di rinunciare alla sua partecipazione all’udienza. Salvatore Borsellino, fratello di Paolo, magistrato ucciso dalla mafia, prima dell’inizio dell’udienza del processo sulla trattativa Stato-mafia ha commentato davanti ai giornalisti : “Senza Massimo Ciancimino questo processo non sarebbe cominciato e tanti personaggi delle istituzioni non avrebbero ritrovato la memoria. Ora si parla di una trattativa concreta, non più ipotizzata – e ha continuato dicendo: “Quest’accusa mi sembra davvero a orologeria”. Sono Dieci gli imputati, oltre a Mancino e Ciancimino vi sono i capimafia Totò Riina, Leoluca Bargarella, Antonio Cinà, l’ex senatore Marcello Dell’Utri, gli ex ufficiali del Ros Antonio Subranni, Mario Mori e Giuseppe De Donno, il pentito Giovanni Brusca. Ciancimino è accusato di concorso in associazione mafiosa e calunnia all’ex capo della polizia Gianni De Gennaro, e Nicola Mancino, accusato di falsa testimonianza. La restante parte degli imputati sono accusati di violenza o minaccia a corpo politico dello Stato.

 

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook