Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

PALERMO: CIANCIMINO ARRESTATO PER EVASIONE FISCALE

PALERMO: CIANCIMINO ARRESTATO PER EVASIONE FISCALE

“Ciancimino è finito in prigione perché secondo l'accusa sarebbe stato titolare di alcune società che non avrebbero pagato l'Iva per decine di milioni di euro. Così, su ordine del gip di Bologna, il figlio di don Vito è stato incarcerato al Pagliarelli di Palermo”.

Print Friendly, PDF & Email

Palermo. Massimo Ciancimino è stato arrestato su ordine del gip di Bologna con l’accusa di associazione a delinquere ed evasione fiscale. E’ stato poi tradotto nel carcere Pagliarelli di Palermo. I pm lo accusano di aver favorito Cosa nostra. Nei confronti di Ciancimino è stata eseguita un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip Bruno Perla, su richiesta della Dda di Bologna (pm Enrico Cieri con la supervisione del procuratore Roberto Alfonso). Le indagini sono state svolte dalla Gdf di Ferrara: l’operazione ha portato a 13 ordinanze di custodia cautelare, di cui nove in carcere e quattro ai domiciliari nei confronti dei componenti di un sodalizio criminoso accusato di aver posto in essere una frode fiscale nel settore della commercializzazione di metalli ferrosi. Secondo quanto si apprende a Ciancimino vengono contestati reati fiscali riferiti al periodo in cui viveva in Emilia-Romagna, con un’evasione calcolata in circa 30 milioni di euro. Secondo quanto trapelato, il gip di Bologna, non avrebbe ritenuto sussistente l’aggravante dell’avere agevolato la ‘ndrangheta contestata inizialmente a Ciancimino dalla Dda di Bologna. L’aggravante era supportata da alcune intercettazioni tra il figlio dell’ex sindaco mafioso di Palermo e Girolamo Strangi, considerato legato alla cosca Piromalli di Gioia Tauro. Nelle conversazioni Ciancimino e Strangi parlavano di affari e giri di denaro.

Secondo l’accusa Ciancimino sarebbe stato titolare di fatto di alcune società che avrebbero evaso l’Iva per decine di milioni di euro. Inoltre il figlio di don Vito è uno dei testimoni chiave del processo sulla trattativa tra lo Stato e la mafia in cui è anche imputato di concorso in associazione mafiosa e calunnia all’ex capo della polizia Gianni De Gennaro. Il figlio dell’ex sindaco mafioso di Palermo è anche indagato a Palermo per detenzione di esplosivo. A conclusione dell’inchiesta sono state arrestate tredici persone, di cui nove consegnate a persone già in carcere e quattro ai domiciliari. I quattro accusati dell’associazione a delinquere smascherati dagli inquirenti sono oltre a Ciancimino, Patrizia Gianferrari di Riccione, sedicente rappresentante di affari, Gianluca Apolloni di Roma, il presunto commercialista che si occupava di far ‘scomparire’ le aziende a Panama e Paolo Signifredi di Parma. Gli altri cinque sono Mario Carlomagno e Mario Paletta di Potenza, Massimiliano Paletta di Ferrara, Valter Lotto di Reggio Emilia, Ennio Ferracane di Bergamo. Ai domiciliari sono finiti Elena Rozzanti di Ferrara, la marocchina Etois Safà, Giulio Galletto di Rovigo, Armido Manzini di Modena (che era l’uomo incaricato di cercare aziende inattive da riutilizzare per le frodi dell’associazione).

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook