Archiviato in | Cronaca Regionale

PALERMO: PRONTI PER LA BEATIFICAZIONE DI DON PUGLISI

PALERMO: PRONTI PER LA BEATIFICAZIONE DI DON PUGLISI

“Questa sera è stata organizzata una veglia di preghiera sul terreno dove sorgerà la chiesa dedicata al beato don Pino Puglisi . Domani alle 10.30 al Foro Italico a Palermo attese centomila persone per la cerimonia di beatificazione. Dai balconi dei palazzi del quartiere già sono state esposte lenzuola bianche che ricordano il sacrificio del martire palermitano”.

Print Friendly, PDF & Email

Palermo. Sono passati quasi vent’anni da quando don Pino Puglisi, fu ucciso dai mafiosi quel tragico 15 settembre 1993. Nonostante Egli non agisca più fisicamente, le idee che infondeva ai suoi ragazzi e alla gente comune e di chi gli stava vicino, continuano a propagarsi nelle strade del quartiere Brancaccio. Domani alle 10,30 oltre 100 mila persone si raduneranno al foro Italico a Palermo e assisteranno alla sua Beatificazione. Sarà un evento straordinario che sicuramente romperà qualsiasi legame tra la Chiesa e la mafia ammesso che ve ne siano: tra quei boss che amavano frequentare le sacrestie e finanziavano le feste dei santi, e coloro che con umiltà e amore cercavano di risollevare le sorti di un quartiere e di una comunità, vittima dell’arroganza della mafia. Saranno due i momenti che contrassegneranno la giornata di domani: il primo è il rito di beatificazione presieduto dal cardinale Salvatore De Giorgi, rappresentante di Papa Francesco; il secondo sarà la celebrazione eucaristica, presieduta dal cardinale Paolo Romeo. Accanto all’altare, poi, sarà esposta una reliquia del beato, ovvero una piccola particella di costola.

Questa sera alle 21, vi sarà una veglia di preghiera in via Fichidindia a Brancaccio, sul terreno dove sorgerà la nuova chiesa intitolata al martire palermitano. L’area è stata concessa alla Curia arcivescovile dall’Agenzia nazionale dei beni confiscati alla mafia. Durante la veglia sarà dedicato un inno al parroco, composto da don Giuseppe Bruno e dal fratello Daniele. Tra le strade del quartiere Brancaccio, dove adesso c’è la sede del centro Padre Nostro, dove in questi anni sono state realizzate nuove scuole, e dove in memoria del parroco è stato creato anche un centro sportivo, le lenzuola bianche esposte dalle abitazioni, evidenziano l’affetto di molti residenti nei confronti di quell’uomo semplice e ostinato a raggiungere i suoi obbiettivi di uguaglianza e incontro.

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook