Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

PALERMO: IL RICORDO DI FALCONE, L’ITALIA ONORA IL SACRIFICIO DEI MORTI

PALERMO: IL RICORDO DI FALCONE, L’ITALIA ONORA IL SACRIFICIO DEI MORTI

“Il 23 maggio di 21 anni fa venivano uccisi dalla mafia Giovanni Falcone, Francesca Morvillo, Rocco Dicillo, Vito Schifani e Antonio Montinaro, gli assassini avevano piazzato 500kg di tritolo lungo l'autostrada A29. Solo Giuseppe Costanza si salvò miracolosamente dalla potentissima esplosione: era l’autista dell’auto di Falcone. Le navi della legalità, ormai chiamate “Giovanni e Paolo” salpate ieri sera da Civitavecchia e Napoli, sono arrivate al porto di Palermo. Ad attendere l’attracco al molo tantissimi ragazzini festanti con striscioni e tanti palloncini colorati”.

Print Friendly, PDF & Email

Palermo. A bordo delle navi sopranominate “Giovanni e Paolo” vi sono circa 3 mila studenti. La manifestazione è organizzata dalla Fondazione Giovanni e Francesca Falcone in collaborazione con il ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca. Sulla nave salpata da Civitavecchia il presidente del Senato Piero Grasso, il ministro dell’Istruzione, Maria Chiara Carrozza, il presidente Rai Anna Maria Tarantola e Nando Dalla Chiesa, docente di Sociologia della criminalità organizzata a Milano. Sull’imbarcazione partita da Napoli il sottosegretario all’Istruzione Marco Rossi Doria, il presidente di Libera don Luigi Ciotti, il Commissario straordinario Antiracket Giancarlo Trevisone, l’imprenditore e testimone di giustizia Pino Masciari.

Sarà una lunga giornata per non dimenticare. Oggi si rinnova ricorrenza della strage di Capaci e le iniziative per ricordare Giovanni Falcone, Francesca Morvillo, Rocco Dicillo, Vito Schifani e Antonio Montinaro, assassinati dalla mafia con quasi 500kg di tritolo collocato in un tratto dell’autostrada A29. Così poco dopo le otto del mattino sono arrivate al porto di Palermo le due navi della legalità, salpate ieri da Civitavecchia e Napoli, con a bordo circa tremila tra studenti e insegnanti. Ad accogliere i ragazzi, i loro coetanei siciliani e Maria Falcone, sorella del magistrato ucciso. Non poteva mancare la testimonianza di Nando Dalla Chiesa. Il figlio del generale ucciso dalla mafia era a bordo di una delle due navi della legalità: “Sarebbe stato bello se Giovanni e Paolo avessero avuto questa compagnia in vita”, si è rivolto agli studenti palermitani e a quelli arrivati da tutta Italia a Palermo. E rivolgendosi a Maria Falcone, che gli aveva ceduto la parola, l’ha chiamata professoressa, perché, ha spiegato, “voglio valorizzare il ruolo della scuola”.

Dopo la cerimonia di benvenuto gli studenti si sono divisi. Alcuni si sono trasferiti all’aula bunker del carcere dell’Ucciardone, dove sono presenti il presidente Grasso e il ministro Carrozza, i ministri della Giustizia, Anna Maria Cancellieri, e delle Politiche Agricole, Nunzia De Girolamo, il presidente del Tribunale di Palermo, Leonardo Guarnotta, il presidente Rai, Anna Maria Tarantola. A coordinare la cerimonia, il conduttore televisivo Fabio Fazio. Nel cortile antistante saranno in mostra i lavori degli studenti delle scuole primarie, nel ‘Villaggio della Legalita”, con elaborati anche di altre associazioni. Gli altri studenti, invece, andranno nelle piazze simboliche: piazza Magione, piazza Parco Ninni Cassarà a Palermo, e, quest’anno, anche Corleone. dove, alle 12.30 il ministro dell’Istruzione Maria Chiara Carrozza visiterà nel complesso monumentale di Sant’Agostino la mostra fotografica dell’Ansa “Falcone e Borsellino vent’anni dopo” inaugurata il 23 maggio scorso a Palermo dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano a Palazzo Branciforte. L’esposizione, sottotitolata “Non li avete uccisi: le loro idee cammineranno sulle nostre gambe”, raccoglie le immagini tratte dall’archivio fotografico dell’Ansa sulla vita dei due magistrati, uccisi insieme agli agenti di scorta dalla mafia nel ’92.

Alla manifestazione di commemorazione sarà presente anche il presidente della Camera, Laura Boldrini, che si fermerà alle 14.45 nei pressi dello svincolo di Capaci dell’autostrada, per un momento di raccoglimento davanti alla stele commemorativa della strage, per poi unirsi al corteo di ragazzi che partirà alle 16 dall’Aula bunker per raggiungere l’Albero Falcone. All’ultimo momento è arrivata l’adesione del presidente del Consiglio Enrico Letta che ha annunciato attraverso Twitter che anche lui sarà a Palermo per la commemorazione.  Infine, nel pomeriggio, così come di consueto, ai piedi della Magnolia si uniranno i due cortei, quello partito dall’aula dove è stato celebrato il maxiprocesso e l’altro partito da via d’Amelio. Momento solenne e conclusivo della manifestazione sarà il Silenzio suonato dal trombettiere della Polizia di Stato all’ora esatta della strage: le 17.58.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook