Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

AGRIGENTO: IMPRENDITORE UCCISO DAL DEBITORE

AGRIGENTO: IMPRENDITORE UCCISO DAL DEBITORE

“Si chiama Giovanni Brunetto l'imprenditore, scomparso due settimane fa da Licata. Secondo la Procura di Agrigento è stato sequestrato e ammazzato da Angelo Carità con l'aiuto di un complice. La vittima vantava un credito che oscillava tra i 40 e i 100 mila euro. il corpo non è stato ancora trovato di Bruetto non si hanno notizie dallo scorso 7 maggio”.

Print Friendly, PDF & Email

Licata. A ucciderlo, secondo l’accusa, sarebbero stati il debitore, Angelo Carità, di 58 anni, e un suo complice, Angelo Bianchi, di 37 anni. Nei loro confronti il gip di Agrigento, accogliendo la richiesta della Procura, firmata dall’aggiunto Ignazio Fonzo, ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per Carità, e ai domiciliari nell’ospedale di Gela per Bianchi.  Giovanni Brunetto sarebbe stato ucciso dalla persona dalla quale vantava un credito, una somma oscillante tra 40 e 100 mila euro accumulata negli anni per una eredità che l’omicida avrebbe dovuto incassare. Questa è la tesi della Procura di Agrigento sulla scomparsa del piccolo imprenditore agricolo di Licata, Giovanni Brunetto, 60 anni, del quale non si hanno notizie dallo scorso 7 maggio.

I fermati sono indagati per sequestro di persona, omicidio aggravato e occultamento di cadavere. Il corpo di Brunetto non è stato trovato, ma gli investigatori escludono l’ipotesi del suicidio o che si sia allontanato volontariamente. Secondo le indagini della polizia, la vittima vantava un credito di oltre 40 mila euro nei confronti di Carità, e aveva litigato con lui per la restituzione della somma. Secondo quanto sostiene l’accusa, l’agricoltore, con la scusa di un appuntamento chiarificatore, sarebbe stato sequestrato e ucciso dal debitore e dal suo amico. Il giudice ha emesso per i due ordinanza cautelare.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook