Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: CANNIZZARO, STAZIONARIE LE CONDIZIONI DEI TRE USTIONATI DI VITTORIA

CATANIA: CANNIZZARO, STAZIONARIE LE CONDIZIONI DEI TRE USTIONATI DI VITTORIA

“Giovanni Guarascio, il muratore disoccupato di Vittoria, che si è dato fuoco per salvare la casa è ricoverato al Cannizzaro di Catania in condizioni gravissime. La moglie e il poliziotto sono ricoverati nello stesso ospedale le loro condizioni sono stazionarie. Intanto la figlia Martina lancierà un appello durante la trasmissione Servizio Pubblico programmata stasera su La7”.

Print Friendly, PDF & Email

Catania. Restano stabili ma gravi le condizioni di Angelo Guarascio, ricoverato in terapia intensiva nel reparto di Anestesia e Rianimazione dell’ospedale Cannizzaro. Il muratore disoccupato il 14 maggio scorso a Vittoria ha riportato ustioni gravissime dopo essersi dato fuoco per salvare la sua casa messa all’asta per 26 mila euro. Anche Antonio Terranova, in cura nel Centro Ustioni, in prognosi riservata, l’agente che ha tentato di spegnere le fiamme che si erano propagate sul corpo del muratore, poi rimasto egli stesso gravemente ustionato. La vicenda è seguita con attenzione dall’assessore regionale della Salute Lucia Borsellino, aggiornata dal commissario straordinario dell’Azienda Cannizzaro Paolo Cantaro sull’evoluzione del quadro clinico dei tre pazienti.  Giorgia Famà, è stata trasferita nell’ospedale Cannizzaro poco dopo le 18 di ieri proveniente dall’ospedale Guzzardi di Vittoria, ha riportato ustioni di secondo e terzo grado a viso, collo e torace e lesioni meno gravi a mani e avambracci e le sue condizioni sono stazionarie. Un’altra medicazione avanzata è già stata programmata per domani. I medici mantengono comunque riservata la prognosi in considerazione del generale quadro clinico anch’esso grave.

Martina Guarascio, 28 anni, ha rivolto ieri alle istituzioni un accorato appello: “Vi prego aiutateci, non lasciateci di nuovo da soli”, dice. “Mi rivolgo   al presidente Crocetta e alle istituzioni: vogliamo ricomprare la nostra casa, perché è l’unica cosa che abbiamo e mio padre l’ha costruita con tanti sacrifici. Adesso siamo solo io e mia sorella e tra 15 giorni queste persone verranno a reclamare l’appartamento. Noi che fine faremo?”. Il messaggio è stato raccolto da Servizio pubblico, la trasmissione di Michele Santoro su La7. IL VIDEO DI MARTINA

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook