Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: SEQUESTRO MILIONARIO A SEBASTIANO SCUTO, RE DEI SUPERMERCATI SICILIANI

CATANIA: SEQUESTRO MILIONARIO A SEBASTIANO SCUTO, RE DEI SUPERMERCATI SICILIANI

“Dopo la condanna in appello a 12 anni per associazione mafiosa a Sebastiano Scuto gli viene praticato un maxi sequestro dei beni. Posti i sigilli all'intero patrimonio riconducibile alla sua famiglia. Il procuratore generale Giovanni Tinebra rassicura che nessuna ricaduta si abbatterà su Aligrup”.

Print Friendly, PDF & Email

Catania. La Guardia di finanza della città etnea coordinata dal colonnello Francesco Gazzani e Giancarlo Franzese ha eseguito su tutto il territorio nazionale (province di Catania, Messina, Enna, Siracusa, Ragusa, Salerno, Reggio Emilia, Monza e Milano) un’ordinanza, emessa dalla Corte di appello di Catania – 1^ sezione penale, con la quale è stato disposto il sequestro preventivo dell’ingente patrimonio riconducibile a Sebastiano Scuto, noto imprenditore catanese che operava nel settore della grande distribuzione. Il re dei supermercati recentemente è stato condannato in appello a scontare la pena di 12 anni per associazione di stampo mafioso.

I finanzieri hanno condotto le indagini finalizzate all’individuazione dell’ingente patrimonio della famiglia Scuto.e al sequestro preventivo. Sono 409 immobili (terreni e fabbricati) di proprietà dell’imprenditore, della moglie Rita Spina e dei figli Caterina, Concetta e Salvatore e alle varie societa’ agli stessi riconducibili. Tutti i beni (quote societarie o azionarie, mobili, immobili, conti correnti e quant’altro) appartenenti a 48 societa’ intestate alla famiglia Scuto sono state poste sotto controllo. Sono inoltre in corso di esecuzione sequestri dei conti aperti nei numerosi istituti bancari presso cui le varie società indagate detenevano rapporti bancari/finanziari.

La procura della Repubblica presso la Corte D’Appello, guidata da Giovanni Tinebra evidenzia che “…. la misura cautelare reale del sequestro adottata, oltre agli effetti penali suoi propri, non ha alcuna ricaduta negativa sulla procedura concorsuale di concordato preventivo in corso né sul correlato piano di dismissione controllata di beni sottoposti a confisca non definitiva ed a sequestro; piano finalizzato a creare risorse per il soddisfacimento dei creditori attraverso il concordato ed a salvaguardare il livello occupazionale dei lavoratori interessati alla dismissione dei punti vendita ed al loro ritorno alla operativita’. anzi le leggittime aspettative dei lavoratori, dei creditori, degli acquirenti e degli aspiranti acquirenti dei beni dismessi e da dismettere possono trovare maggiore garanzia attraverso la necessaria sinergia tra gli organi della procedura fallimentare e l’amministrazione giudiziaria di Aligrup nella procedura di dismissione e di perfezionamento del concordato… ”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook