Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

METRO DI CATANIA: DODICI GLI INDAGATI DALLA PROCURA

METRO DI CATANIA: DODICI GLI INDAGATI DALLA PROCURA

“L'inchiesta riguarda i lavori dei tratti Borgo-Nesima e Giovanni XXIII-Stesicoro. Procura ipotizza i reati di truffa, falso, frode nelle pubbliche forniture e due casi di corruzione”.

Print Friendly, PDF & Email

Metro di Catania. La Procura di Catania chiede il rinvio a giudizio per 12 degli indagati nell’inchiesta sui lavori della metropolitana tratti Borgo-Nesima e Giovanni XXIII-Stesicoro. I reati ipotizzati, a vario titolo, sono truffa aggravata, falso e frode nelle pubbliche forniture e due casi di corruzione. La richiesta di rinvio a giudizio è stata depositata il 6 aprile scorso. La data dell’udienza preliminare non è ancora stata fissata. Le informazioni di garanzia erano già state notificate, il 16 ottobre del 2012, a responsabili dell’impresa Sigenco (facente parte del consorzio Uniter) e funzionari della Ferrovia Circumetnea e del ministero del Lavoro e a privati professionisti. Fanno parte degli indagati: Santo Campione, amministratore della Sigenco; Enrico Maltauro, amministratore delegato del Gruppo Maltauro costruzioni; Elena Molinaro, dirigente del dipartimento del ministero dei Trasporti; Giuseppe Chiofalo, ex capo della segreteria tecnica del sottosegretario ai Trasporti Raffaele Gentile, e il candidato a sindaco di Catania Salvatore Tuccio D’Urso.

Quest’ultimo, indagato per falso, si è detto pronto a dimostrare che la Procura si sbaglia. “Ho dato mandato al mio legale, l’avvocato Carmelo Galati, di rinunciare all’imminente prescrizione dell’unico reato che mi è contestato, il falso. Lo farò – ha affermato D’Urso, recentemente assolto dal processo sui parcheggi in project financing del Comune di Catania – per fare valere, come sempre, in giudizio l’assoluta trasparenza del mio comportamento”. E’ stata chiesta inoltre l’archiviazione per il direttore generale della Fce, Sergio Festa, per i consulenti Sebastiano Polizza e Daniele Peila e per il preside della facoltà di Ingegneria della Kore di Enna, Giovanni Tesoriere.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook