Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: SESSO IN CAMBIO DI ESAMI, IL PROCESSO ROSSITTO È DA RIFARE

CATANIA: SESSO IN CAMBIO DI ESAMI, IL PROCESSO ROSSITTO È DA RIFARE

“Processo Rossitto, a causa di un difetto di notifica le indagini dovranno ripartire. Il tribunale di Catania ha accolto la richiesta della difesa del professore accusato dalle proprie studentesse. Della vicenda si occupò anche la trasmissione "Le Iene" su Italia 1, che aveva ripreso con una telecamera nascosta il professore in un albergo assieme a una studentessa”.

Print Friendly, PDF & Email

Catania. La quarta sezione del Tribunale presieduta da Michele Fichera ha accolto l’eccezione di nullità presentata dai legali di Rossitto per un difetto di notifica nella fase della chiusura dell’indagine e nella fissazione dell’udienza preliminare. Da rifare quindi il processo a carico di Elio Rossitto, docente universiatrio di Economia politica accusato di aver chiesto alle studentesse prestazioni sessuali per promuoverle agli esami della sua materia. I giudici hanno nuovamente rimesso gli atti all’ufficio del publico ministero Lina Trovato che adesso dovrà ripartire dalla chiusura dell’indagine. Disposto lo stralcio della posizione dell’altro imputato Francesco Pergola, dipendente amministrativo dell’Università. Rossitto venne rinviato a giudizio per tentata concussione e tentata violenza sessuale ai danni di quattro studentesse che lo avevano denunciato, nell’ottobre 2009.

La vicenda è stata trattata nella trasmissione “Le Iene” su Italia 1. Infatti, è stato mandato in onda un filmato che aveva ripreso il professore in un albergo assieme a una studentessa che aveva rifiutato le avances in cambio di un “aiuto” negli studi. Il 3 novembre 2009 Rossitto lasciò l’insegnamento e il successivo 25 novembre il Gip dispose un’ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari. Rossitto tornò in libertà 17 giorni dopo, quando il tribunale annullò l’ordinanza. Dapprima il Gip derubricò il reato alla sola concussione, ma i procuratori aggiunti Michelangelo Patanè e Marisa Scavo e il sostituto Lina Trovato mantennero anche l’accusa per tentata violenza sessuale.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook