Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

PALERMO: PROFESSORE GAY ESPULSO DALL’ERITREA PERCHE’ OMOSESSUALE

PALERMO: PROFESSORE GAY ESPULSO DALL’ERITREA PERCHE’ OMOSESSUALE

“Il palermitano Paolo Mannina, insegnante di Lettere, lavorava nella scuola italiana ad Asmara dove ha rischiato di finire in carcere, costretto a vivere nascosto e a non frequentare luoghi pubblici"

Print Friendly, PDF & Email

Palermo. Questa è l’assurda storia di un insegnante di Lettere. Il suo nome è Paolo Mannina, palermitano, il quale lavorava nella scuola italiana ad Asmara poi espulso dal Paese africano perché omosessuale. Lo ha reso noto l’ateneo palermitano. “Sono stato costretto a vivere nascosto per circa una settimana, a non frequentare luoghi pubblici, a stare sempre in compagnia di qualcuno, perché rischiavo di essere prelevato dalle Autorità militare eritree e sbattuto in carcere” ha raccontato Mannina. La scuola di lingua italiana per Stranieri dell’Università di Palermo esprime solidarietà a Mannina, insegnante di lettere nella scuola italiana dell’Asmara. Il docente palermitano, un master in Teoria e progettazione didattica dell’italiano come lingua straniera conseguito presso la nostra Scuola, ha denunciato il silenzio di stampa e istituzioni sulla sua vicenda. Le autorità eritree, ha reso noto la Scuola di lingua italiana per Stranieri dell’Università di Palermo – sono venute a conoscenza del matrimonio di Mannina, contratto in Spagna nel 2008 con un ragazzo cileno dello stesso sesso, e questo è bastato per definirlo un “individuo pericoloso e potenzialmente destabilizzatore dell’ordine morale e pubblico del Paese”, così come è stato riportato dall’Ambasciatore italiano in Eritrea dopo aver ottenuto la spiegazione in via ufficiosa.

“In Eritrea – ha spiegato il docente – dove lavoravo dal 6 marzo con regolare contratto come docente di Lettere presso l’Istituto Omnicomprensivo di Asmara, l’omosessualità è punibile con una pena dai 3 ai 10 anni di prigione. Nessuno poteva garantirmi che questo non sarebbe accaduto, visto che avevo ricevuto un mandato di espulsione entro 48 ore, con una proroga successiva di una settimana, a seguito delle trattative diplomatiche. L’ambasciata, preoccupata di salvaguardare la mia incolumità, si è premurata ad avvertirmi che una volta scaduto l’ultimatum mi sarei dovuto preparare ‘al peggio’. Immaginatevi lo stato di prostrazione, di stress emotivo e di paura che vivevo. Ho dovuto pagare il volo di ritorno da Asmara in Italia e, una volta tornato nel mio Paese, mi sono ritrovato senza lavoro”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook