Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: 5 ERGASTOLI PER GLI OMICIDI DI MAFIA COMMESSI TRA IL 2001 E IL 2010

CATANIA: 5 ERGASTOLI PER GLI OMICIDI DI MAFIA COMMESSI TRA IL 2001 E IL 2010

“Con Cinque ergastoli, otto condanne a 30 anni di reclusione e un'assoluzione si è concluso il processo Revenge III sulla guerra che ha contrapposto le famiglie dei Carateddi e degli Ercolano-Santapaola. “È una sentenza - ha commentato il magistrato - che sposa la tesi dell'accusa e conferma il buon lavoro svolto durante l'inchiesta”.

Print Friendly, PDF & Email

Catania. La Procura, nel processo Revenge III, accoglie le richieste della Dda e assegna cinque ergastoli, otto condanne a 30 anni di reclusione e un’assoluzione. Il processo è stato celebrato col rito abbreviato davanti al Gup di Catania, Laura Benanti.  I fatti riguardano la faida mafiosa che ha visto contrapposti il gruppo dei ‘Carateddi’ e la ‘famiglia’ Ercolano-Santapaola. Il procedimento, complessivamente, ha trattato nove omicidi commessi tra il 2001 e il 2010 dal clan contrapposto ai vertici di Cosa nostra. Gli ergastoli sono stati decretati a Sebastiano Lo Giudice, Orazio Privitera, Vito Acquavite, Antonino Bonaccorsi e Antonino Stuppia. Condannati a 30 anni di reclusione ciascuno: Antonino Aurichella, Agatino Di Mauro, Alessandro Guerrera, Giovanni Musumeci, Orazio Musumeci, Giuseppe Platania, Alfio Sanfilippo e Natale Squillaci. Assolto uno solo degli imputati: Domenico Privitera. L’accusa era stata rappresentata in aula dai sostituti Lina Trovato e Pasquale Pacifico, quest’ultimo era entrato nel ‘mirino’ della cosca.

Negli atti del processo anche le immagini dell’omicidio di Orazio Daniele Milazzo, riprese da alcune telecamere di sorveglianza della zona. In occasione dell’omicidio di Giacomo Spalletta, considerato elemento di spicco del clan Sciuto Tigna, gli investigatori hanno accertato che gli autori andarono nel cimitero ad avvertire la moglie della vittima meno di 10 minuti dopo il suo omicidio. Due sono i delitti da inquadrare nelle logiche della ‘famiglia’ che è ‘disonorata’: Salvatore Gueli è ucciso perché aveva una relazione con una cugina del boss Lo Giudice; mentre Orazio Daniele Milazzo sarebbe stato eliminato per la sua convivenza con la vedova di un parente dei Bonaccorsi. L’inchiesta ha confermato i legami tra il clan Cappello e i Lo Piccolo di Palermo: tra i due gruppi infatti sarebbe stato deciso l’assassinio del boss Raimondo Maugeri, del clan Ercolano-Cappello, per scardinare Cosa nostra a Catania.

L’indagine ‘Revenge III’ condotta della squadra mobile della Questura di Catania risale all’uno dicembre del 2011. Le indagini della polizia e la collaborazione di pentiti hanno permesso di trovare i responsabili di nove omicidi, compreso un caso di lupara bianca. Tra le vittime anche persone estranee a contesti criminali, come l’imprenditore Mario D’Angelo, ucciso nella sua azienda di contrada Fiumazzo il 10 giugno del 2001 per contrasti di vicinato con un parente del boss Domenico Privitera che gestiva un’azienda agricola che confinava con la sua. “È una sentenza – ha commentato il magistrato – che sposa la tesi dell’accusa e conferma il buon lavoro svolto durante l’inchiesta”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook