Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

PALERMO: DELITTO PANDOLFO, RAGAZZINO CONFESSA OMICIDIO

PALERMO: DELITTO PANDOLFO, RAGAZZINO CONFESSA OMICIDIO

“Dopo parecchie ore di interrogatorio il ragazzo ha confessato, ma la sua versione ancora non convince gli inquirenti. L'imprenditore è stato ucciso lo scorso 26 aprile e sarebbe maturato in ambienti gay”.

Print Friendly, PDF & Email

Palermo.

Il ragazzo ha ammesso l’omicidio di Massimo Pandolfo, l’imprenditore ucciso a coltellate il 26 aprile nel capoluogo siciliano.

Dopo parecchie ore d’interrogatorio, il minorenne, che è in stato di fermo dalla scorsa notte, ha raccontato di essersi appartato con la vittima, poi i due avrebbero litigato perchè Pandolfo chiedeva prestazioni sessuali che il diciassettenne avrebbe rifiutato. Ne sarebbe nata una lite culminata nell’omicidio. Il pm Geri Ferrara però non è convinta della versione raccontata dal ragazzo, sono molti i lati oscuri della tragica vicenda. Per quanto riguarda l’arma del delitto, il presunto omicida non ha spiegato come ne è venuto in possesso. Poi, l’auto della vittima ancora non è stata rinvenuta. Inoltre, difficilmente il ragazzino, di corporatura esile, avrebbe potuto sopraffare la vittima, che, tra l’altro, era un ex pugile. Gli inquirenti continuano a indagare per verificare la connivenza di presunti corresponsabili.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook