PALERMO: LA FONDAZIONE PICCOLO CHIUDE PER COLPA DEI TAGLI

PALERMO: LA FONDAZIONE PICCOLO CHIUDE PER COLPA DEI TAGLI

“Nel comunicato si apprende che entro l'anno la fondazione Piccolo provvederà al licenziamento dei dipendenti e saranno simbolicamente consegnate le chiavi di Villa Piccolo al presidente della Regione Rosario Crocetta”.

Print Friendly, PDF & Email

Palermo. La fondazione famiglia Piccolo di Calanovella denuncia che dopo quarant’anni, quest’anno sarà costretta a chiudere i battenti. “Una decisione dolorosa – si legge nella nota –  che ha un responsabile preciso: la Regione siciliana. L’approvazione della Tabella H e la cospicua elargizione di denaro a figli e figliastri di questo o quel deputato regionale, è il colpo di grazia che uccide la Fondazione e suona come un’offesa e una beffa l’assegnazione fattaci di 22 mila euro, cifra irrisoria per un ente che gestisce un museo e un parco di 20 ettari, aperto tutto l’anno e che al suo interno presenta gioielli di inestimabile valore culturale, come il celebre ‘cimitero dei cani’, esempio unico in Europa. La legge regionale 51 del 13 luglio ’95 obbligava la Regione ad assegnare alla Fondazione un contributo annuale di 300 milioni di lire, contributo disatteso negli ultimi anni dalla stessa Regione, che ha inspiegabilmente inserito l’ente nella Tabella H e quindi, sottoponendolo alle forche caudine degli umori dei deputati regionali e ai loro interessi di bottega. Di tale situazione – conclude la nota – abbiamo informato il Commissario dello Stato, affinché provveda ad impugnare l’iniquo allegato alla legge finanziaria. Entro l’anno provvederemo al licenziamento dei dipendenti e consegneremo simbolicamente le chiavi di Villa Piccolo al presidente della Regione Rosario Crocetta e all’assessore ai Beni culturali Mariarita Sgarlata e al presidente della Commissione cultura dell’Ars Marcello Greco, che avevano garantito che avrebbero salvaguardato solamente le eccellenze culturali”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook