Archiviato in | Cronaca

E’ MORTO GIULIO ANDREOTTI

E’ MORTO GIULIO ANDREOTTI

“Il noto politico è morto oggi alle 12,25 nella sua abitazione romana. Membro della Costituente, più volte presidente del Consiglio ed esponente storico della Democrazia Cristiana”.

Print Friendly, PDF & Email

E’ morto Giulio andreotti. Il senatore a vita Giulio Andreotti E’ morto nella sua abitazione romana, aveva 94 anni. Tra i protagonisti della vita politica italiana della seconda metà del XX secolo, è stato tra gli uomini più importanti della Democrazia Cristiana. Presidente del Consiglio per 7 volte, ha ricoperto numerosi incarichi di governo. Fu membro della Costituente nel 1946. Fu tra i protagonisti della vita politica italiana della seconda metà del XX secolo, è stato tra gli uomini più importanti e potenti della Dc. La sua carriera iniziò alla fine della Seconda Guerra Mondiale, quando al seguito di Alcide De Gasperi diventò membro della Costituente nel 1946.

A Giulio Andreotti non sarà allestita la camera ardente al Senato ma nella sua amatissima casa-studio di Corso Vittorio e il rito funebre sarà celebrato in forma privata nella Chiesa di San Giovanni dei Fiorentini a Roma. Lo hanno reso noto i suoi più stretti congiunti. Le esequie sono previste domani pomeriggio.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook