Archiviato in | Politica, Politica Regionale

RIVOLUZIONE CIVILE, FASE CONCLUSA

RIVOLUZIONE CIVILE, FASE CONCLUSA

“Alle ultime elezioni si è rivelata fallimentare l’esperienza di RC che segna la fine del progetto legato alla figura di Antonino Ingroia. Le singole forze politiche affermano che irisultati insoddisfacenti li hanno indotti a considerare conclusa questa fase”.

Print Friendly, PDF & Email

Rivoluzione Civile. La notizia dello scioglimento della compagine politica è arrivata con una fredda nota alla stampa: “I soggetti che hanno dato vita a Rivoluzione Civile hanno deciso all’unanimità di considerare conclusa questa esperienza. Il risultato insoddisfacente delle elezioni politiche del febbraio scorso ha indotto ognuna delle componenti a una riflessione profonda della nuova fase politica al proprio interno”. L’esperienza è durata qualche mese, giusto il tempo di partecipare con scarso successo alle elezioni politiche nazionali, prima di sciogliersi definitivamente al primo caldo di primavera, senza aver lasciato alcun segno sulla scena politica nazionale e con il trasferimento definitivo del suo leader Antonino Ingroia alla procura di Aosta, dove tornerà a fare il giudice.

Il comunicato stampa congiunto è firmato da Antonio Ingroia (Azione Civile), Angelo Bonelli (Verdi), Luigi De Magistris (Movimento Arancione), Oliviero Diliberto (Pdci), Antonio Di Pietro (Idv), Paolo Ferrero (Prc) e Leoluca Orlando (Rete2018), nella nota i protagonisti dell’operazione politica spiegano: “E’ forte il convincimento che nel nostro Paese la presenza in Parlamento di rappresentanti delle forze unite attorno a Rivoluzione Civile avrebbe portato un arricchimento importante al dibattito per la realizzazione di una legislazione avanzata sul terreno dei diritti sociali e civili, della legalità, dell’etica nella politica e di un nuovo impianto istituzionale. Il contrario di quanto purtroppo è avvenuto. Si è preso atto che le scelte strategiche future dei singoli soggetti sono incompatibili con la prosecuzione di un progetto politico comune, quanto meno nell’immediato. Resta intatta la stima reciproca tra tutte le forze che hanno dato vita a RC e la volontà di mantenere comunque interlocuzioni finalizzate al profondo cambiamento politico, culturale e sociale dell’Italia.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook