Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

MUOS: DONNE TENTANO DI FERMARE DUE OPERAI DIRETTI ALLA BASE USA

MUOS: DONNE TENTANO DI FERMARE DUE OPERAI DIRETTI ALLA BASE USA

“Mamme e nonne No Muos riunite per recitare Rosario hanno impedito a due giardinieri l'accesso alla base militare di contrada Ulmo. Forte era la tensione che è stato necessario l'intervento delle forze dell'ordine”.

Print Friendly, PDF & Email

Muos. Questa mattina Mamme e nonne ‘No Muos’ hanno impedito l’accesso a due operai nella base militare Usa di Niscemi. un convoglio di militari è riuscito a superare il blocco con l’aiuto delle forze dell’ordine. I due operai bloccati sono di Niscemi, ed entrambi sono ingaggiati come giardinieri nella base americana Muos. E’ successo stamane mentre le donne erano in procinto di recitare il Santo Rosario. La polizia, ha confermato che, dopo la contestazione, ha recuperato in terra nel luogo della protesta una coroncina usata per la preghiera. Una delle attiviste avrebbe detto: “Ormai non ci fidiamo più di nessuno, nè dei politici, nè dei governanti; solo la Madonna ci potrà aiutare, con le nostre preghiere, per garantire la salute dei nostri figli e per impedire la costruzione delle antenne, vero strumento di morte”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook