CATANIA: TEATRO BELLINI, NESSUN TAGLIO SOLO RIDUZIONE SPRECHI

CATANIA: TEATRO BELLINI, NESSUN TAGLIO SOLO RIDUZIONE SPRECHI

“Ieri sera durante lo spettacolo, la protesta al Massimo di Catania. Tra gli spettatori tutti i candidati a sindaco tranne la rappresentante del M5s. “E’ solo una riduzione degli sprechi – spiega il presidente Crocetta - qualcuno preferisce fare campagna elettorale invece di informarsi".

Print Friendly, PDF & Email

Catania. La protesta al Bellini, ieri sera, è stata rappresentata con il concerto gratuito diretto da Antonino Manuli, recital preceduto da una dichiarazione del violoncellista, Giuseppe Calanna, rappresentante dei lavoratori nel Cda del Teatro che non si è mai insediato. Tra gli spettatori anche i candidati sindaco Enzo Bianco, Maurizio Caserta, Matteo Iannitti e Raffaele Stancanelli. La protesta in musica è stata organizzata dai lavoratori del Teatro Massimo Bellini per contestare i tagli alla Cultura. Subito dopo Sono arrivate le parole rasserenanti del presidente della Regione Siciliana, Rosario Crocetta, che ha smentito l’allarme fatto girare nei giorni scorsi tra i media.”Nessun taglio, solo una riduzione degli sprechi. Ci rendiamo conto – ha annunciato  il presidente Crocetta con una nota a sua firma – che a Catania ci sono le elezioni e qualcuno invece di informarsi preferisce fare campagna elettorale, ma i catanesi devono stare tranquilli perchè il Bellini come tutti gli altri teatri siciliani, attraverso la nuova programmazione regionale, avranno a disposizione molti più fondi che nel passato.

“Le proteste che stanno attualmente coinvolgendo il teatro Bellini sono immotivate – ha spiegato il presidente della Regione Siciliana – poichè non subirà alcun taglio. Così come gli altri teatri siciliani, che sono chiamati invece ad una sfida nuova, quella di ridurre gli sprechi, i costi dei consigli di amministrazione e le consulenze, per puntare ad innalzare la loro offerta culturale. Il finanziamento ai teatri infatti, a partire da quest’anno non proviene solo da fondi regionali, ma si attingerà, per le iniziative, al fondo sociale europeo. L’anno scorso – continua Crocetta – l’assessorato al Turismo ha fatto una scelta completamente diversa, ha inserito all’interno della programmazione europea, attività non adeguate, il che è assurdo. Se qualcuno non l’ha capito, i fondi europei sono esattamente come quelli regionali. Durante l’incontro avuto con tutti i sovrintendenti dei teatri regionali, tutto ciò è stato ampiamente chiarito”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook