PALERMO: ARS, RABBIA DEI PRECARI EX PIP, CARABINIERI SPARANO

PALERMO: ARS, RABBIA DEI PRECARI EX PIP, CARABINIERI SPARANO

“Notte di rabbia a Palermo, i tafferugli sono iniziati quando un sms di un deputato ha annunciato l'impossibilità della stabilizzazione. Questo avviso via telefono ha scatenato la collera di alcuni operai che occupavano Palazzo dei Normanni. Furia e disperazione si è impadronita delle persone che hanno inscenato il loro dissenso: cassonetti in mezzo alle strade, forte protesta e grande malumore hanno caratterizzato la notte palermitana. Poi i colpi di pistola in aria delle forze dell'ordine. Ma i Cobas denunciano che gli agenti abbiano sparato ad altezza uomo”.

Print Friendly, PDF & Email

Palermo. Scontri e grande tensione hanno caratterizzato la notte a Palermo. Tafferugli tra un gruppo di operai ex Pip della Social Trinacria onlus (tremila persone) e i carabinieri, uno dei quali ha anche sparato alcuni colpi di pistola in aria per sedare gli animi. Teatro dei disordini lo spazio antistante la sede dell’Ars dove era in discussione la Finanziaria. Giunta la notizia dell’approvazione di un emendamento che avrebbe reso impossibile la stabilizzazione, i precari che attendevano davanti la sede del parlamento siciliano si sono rivoltati con violenza. Notizia poi non confermata ma che comunque ha innescato la protesta violenta dei precari, che erano in presidio davanti Palazzo dei Normanni che attendevano con trepidazione notizie sul loro destino. La goccia che ha fatto traboccare il vaso, pare sia stato un sms inviato in piena notte probabilmente da un deputato che li informava sui lavori della commissione Bilancio dell’Ars a scatenare le ire dei precari ex Pip. Dopo avere appreso la notizia che la loro gestione passava da un rapporto diretto con la Regione (con convenzione e stipendio mensile) all’Inps, dunque al sussidio di disoccupazione, la protesta è scoppiata violenta. Quindi, Mentre fuori dal Palazzo si scatenava la violenza, in commissione Bilancio veniva invece incrementato lo stanziamento per gli ex Pip, da 12 a 36 milioni di euro, proprio nell’ottica di una eventuale proroga dei contratti fino al 31 dicembre di quest’anno.

Protesta pacifica, secondo i manifestanti. Violenta secondo i carabinieri: alcuni militari che inseguivano tre uomini rei di aver rovesciato per strada dei cassonetti e spazzatura per bloccare il traffico, ad un tratto si sono trovati davanti i manifestanti, che li avrebbero fronteggiati con insulti e poi colpiti con una fitta sassaiola. Avendo intravisto il pericolo, un militare, per calmare la forte tensione che si era creata, avrebbe esploso otto colpi di pistola in aria. Uno dei tre facinorosi che aveva bloccato il traffico di corso Alberto Amedeo rovesciando alcuni cassonetti di rifiuti è stato bloccato e denunciato. Si tratta di un pregiudicato di 41 anni, che è stato denunciato per violenze e resistenze a pubblico ufficiale. Il deputato regionale del movimento 5 stelle Salvatore Siragusa spiega che: “è destituita da ogni fondamento la notizia riportata da alcuni organi di stampa, secondo la quale io e Vanessa Ferreri saremmo rimasti trincerati fino alle 2 della scorsa notte dentro Palazzo dei Normanni per paura di essere assaliti dai lavoratori che ne presidiavano l’ingresso. Io, personalmente, non ho nemmeno tentato di uscire, in quanto sino alle 4 ho seguito i lavori della Commissione Bilancio e quando sono uscito non ho trovato nessuno a cercare di impedirmelo, Vanessa Ferreri alle 2 non era nemmeno all’Ars, da dove era andata via alle 20”.

In una nota il sindacato Slai Cobas denuncia che: “Dinanzi alla più che legittima protesta dei lavoratori contro la Regione Siciliana ancora una volta si risponde con la repressione arrivando perfino agli spari delle forze ‘dell’ordine’ ad altezza d’uomo verso i manifestanti. Esprimiamo forte solidarietà ai lavoratori Ex Pip in lotta da diversi giorni a Palermo per difendere il loro posto di lavoro. La vera violenza – si legge ancora nella nota – è quella di questo Stato di polizia al servizio di governi e istituzioni moderno fasciste al cui fianco sempre più complici e collusi sono i sindacati confederali come la Cisl che non ha perso tempo a prendere le distanze”. Sempre nella lettera lo Slai Cobas conclude che “la repressione non spegne ma alimenta la ribellione e la lotta necessaria e giusta di lavoratori, operai, precari, disoccupati, giovani, donne, migranti contro chi al potere ci vuole attaccare perfino nella nostra dignità di vivere”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook