Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

ETNA: TREDICESIMA ERUZIONE, IL VULCANO DA SPETTACOLO

ETNA: TREDICESIMA ERUZIONE, IL VULCANO DA SPETTACOLO

“L'Ingv di Catania ritiene che l’attività parossistica violenta si sia già conclusa. Nessun pericolo. Intanto è stato riaperto il settore 1 dello spazio aereo dell’aeroporto Fontanarossa di Catania Dopo le straordinarie fontane di lava, piomba la cenere sui paesi alle pendici del vulcano”.

Print Friendly, PDF & Email

Etna. Tredicesima e violenta eruzione dell’anno si è manifestata dai crateri aperti sulla sommità di sud est del vulcano. La più spettacolare che sicuramente ha destato molto interesse. Dai crateri sommitali sono emerse altissime fontane di fuoco alte centinaia di metri con lunghe colate dirette nelle consuete zone desertiche del vulcano. Il fenomeno è stato fortemente visibile da quasi la maggior parte dei centri della Sicilia dai quali si può scrutare l’Etna. L’attività si è esaurita quasi alle 23.37. Secondo i rilevamenti dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia di Catania l’energia presente nei condotti interni dell’Etna è in calo.

Questa mattina la Sac, società che gestisce l’aeroporto di Catania, ha riaperto al traffico aereo nel settore 1 dello spazio aereo rimasto chiuso a causa del dinamismo del vulcano che continua da diversi giorni. L’attività dell’Etna ha provocato la notte scorsa sei lievi scosse sismiche, rilevate nelle zone sommitali a distanza di pochi minuti l’una dall’ altra, la più intensa, registrata alle 2.55 dagli strumenti dell’Ingv, di magnitudo 1.9. Il vulcano è sempre tenuto sotto controllo dagli studiosi di Catania, che stamane hanno effettuato un sopralluogo nella zona della colata più avanzata.

“E’ stata un’attività parossistica intensa – si legge nella nota dell’Ingv – ma che rientrava negli scenari già visti nelle precedenti 12 attività dell’anno sul vulcano. Spettacolare ma non pericolosa”. Le spettacolari fontane di lava, almeno tre, sono fuoriuscite dai crateri sommitali di sud-est. La colata più avanzata ha percorso diverse centinaia di metri, riversandosi nella desertica Valle del Bove senza creare pericoli per persone o centri abitati. Un altro fronte lavico più lento e “digitiforme” è rimasto confinato nella zona sommitale. Dai crateri è uscita anche un’intensa colonna di fumo nera, alta almeno un chilometro. Diversi paesi alle pendici del vulcano sono stati “sommersi” dalla pioggia di cenere vulcanica, ma l’emissione si è esaurita dopo le 6 del mattino.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook