Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

MUOS: MINISTERO RICORRE CONTRO REGIONE. GIUDICE NON CONVALIDA ARRESTO ATTIVISTI

MUOS: MINISTERO RICORRE CONTRO REGIONE. GIUDICE NON CONVALIDA ARRESTO ATTIVISTI

“Il Ministero della Difesa ha presentato ricorso contro le revoche delle autorizzazioni emanate dalla Regione Siciliana chiedendo un risarcimento danni di 25 mila euro al giorno. Crocetta denuncia che vi sono "Pressioni politiche sulla vicenda". Intanto, sono stati Rimessi in libertà gli attivisti Salvatore Vaccaro e Nicola Arboscelli, fermati lunedì dopo essersi arrampicati su dei tralicci delle 46 antenne radio nella base militare Usa”

Print Friendly, PDF & Email

Muos Il ministero della Difesa ha impugnato, il 20 aprile scorso, davanti al Tar di Palermo, con il ricorso 808, le revoche delle autorizzazioni relative al sistema Muos della marina militare Usa di Niscemi e la sospensione dei lavori disposte dalla Regione Siciliana. Lo ha reso noto Legambiente, definendo l’iniziativa un grave atto. Secondo Legambiente, nel ricorso, presentato attraverso l’Avvocatura dello Stato, il ministero della Difesa chiede alla Regione Siciliana il risarcimento di un danno patrimoniale pari a 25 mila euro al giorno con decorrenza dal 29 marzo 2013, e di un danno non patrimoniale da quantificare successivamente perchè i provvedimenti della Regione incidono negativamente sui rapporti tra Italia e Stati Uniti d’America e Nato”. Nel ricorso si sottolinea che “i danni che verrebbero causati per i ritardi al lancio del satellite Muos previsto per il 2013 e il cui programma è stato affidato dagli Stati Uniti a un’azienda appaltatrice mediante un contratto di alcuni milioni di dollari”.  Nel pomeriggio il presidente Crocetta ha replicato: “Stiamo studiando la documentazione che ci ha trasmesso il ministero della Difesa sul Muos, al momento non ci risulta che abbia impugnato davanti al Tar il nostro provvedimento, per noi la revoca c’è e rimane tale. C’è una certa pressione politica su questa vicenda: ogni qualvolta un muratore entra nell’area si pensa che sia per il Muos. Noi non abbiamo cambiato idea”.

Intanto, Il magistrato ha ritenuto insussistenti i motivi per la carcerazione dei due attivisti, che sono stati rimessi in libertà. Per loro resta la denuncia a piede libero. Salvatore Vaccaro di 60 anni, di Palermo e Nicola Arboscelli, di 38 anni, di Piazza Armerina insieme con altri cinque loro compagni, tutti denunciati a piede libero. L’ambasciata americana a Roma diffuse una dura nota di protesta per i danni causati dagli attivisti No Muos alle antenne prese di mira. La protesta si concluse intorno alle 19 e i protagonisti, con vivaci resistenze, furono portati in caserma e identificati. Poi per cinque scattarono le denunce, per due l’arresto. Gli attivisti No Muos si erano introdotti nella base militare americana di contrada Ulmo, a Niscemi, per protestare contro la costruzione dei radar satellitari del sistema americano, arrampicandosi su due dei tralicci delle 46 antenne radio, in funzione da tempo e ritenute dalla gente pericolose alla salute per i campi elettromagnetici che irradiano nel territorio. L’accusa a carico degli arrestati è lesioni e resistenza a pubblico ufficiale, danneggiamento aggravato e introduzione abusiva in luogo di interesse militare.

Intanto, il comitato “TerraNostra” ha organizzato, per il 27 aprile una giornata di mobilitazione davanti al Consolato Usa di Palermo.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook