Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: ROGO A PICANELLO, GLI INQUIRENTI INDAGANO, MORTO ANCHE IL MARITO

CATANIA: ROGO A PICANELLO, GLI INQUIRENTI INDAGANO, MORTO ANCHE IL MARITO

“E’ probabile che gli inquirenti siano arrivati alla soluzione della vicenda dell’incendio che si è sviluppato nell’appartamento del rione Picanello a Catania, dove è stato trovato il cadavere carbonizzato della donna cingalese con mani e piedi legati. Le fiamme potrebbero essere state appiccate dal marito nel tentativo di cancellare ogni traccia dell'omicidio”.

Print Friendly, PDF & Email

Catania. A poco meno di due giorni dalla tragedia della casa di via Prati, a Picanello, carabinieri e procura potrebbero già avere in mano la soluzione della vicenda. Nell’incendio è morta Maduri Warnacula, la donna cingalese di 42 anni trovata con una corda al collo e i piedi legati. Con ogni probabilità già questa mattinna si arriverà a tirare le fila di una vicenda che ha gettato nello sconforto la comunità cingalese di Picanello. Le piste seguite sin dall’inizio dai carabinieri, coordinati dal sostituto procuratore Agata Santonocito sono due. La prima tesi, potrebbe ipotizzare che a legare piedi e collo della donna per poi appiccare il fuoco all’abitazione provocando gravissime ustioni anche al marito possa essere stata una terza persona. Ma questa potrebbe rivelarsi una tecnica complicata per uccidere in quella maniera e poi non vi sono i motivi per immobilizzare solo la donna: ma a questo punto l’omicida voleva uccidere solo la donna? E perchè non immobilizzare anche il marito? Ad avvalorare questa argomentazione il particolare che, ancora non sarebbe stata trovata traccia del contenitore con il combustibile usato per il rogo.

L’altra pista potrebbe essere quella favorita. L’ipotesi è che il responsabile di tutto sia stato proprio il marito, il quale, avrebbe prima soppresso la moglie strozzandola e dopo avrebbe cercato di eliminare ogni traccia appiccando il fuoco, non tenendo in considerazione il poco spazio in cui si trovavano. Secondo una ipotetica ricostruzione, il piccolo ambiente a contatto con le esalazioni di benzina potrebbe essersi subito saturato, causando uno scoppio improvviso che avrebbe investito in pieno il marito Sarath Moragoda, 45 anni ricoverato in prognosi riservata al Cannizzaro con ustioni su quasi tutto il corpo, è stato sottoposto a un delicato intervento chirurgico e ricoverato nel reparto di rianimazione dove è morto questa mattina, alle 11. Ancora bisognerebbe individuare il movente dell’omicidio, nonostante i vicini descrivano i due cingalesi come una coppia tranquilla che non aveva mai creato problemi. Pare invece che i problemi vi fossero e come spesso accade, sarebbero maturati tra le mura domestiche. Circostanza che sarebbe emersa, ieri, dagli interrogatori di familiari, conoscenti e vicini di casa. È stato sentito anche il loro unico figlio 8 anni, non era in casa e si trovasse al catechismo nella vicina parrocchia.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook