Archiviato in | Calcio, Sport, Sport Brevi

CALCIO SERIE A: ILICIC BEFFA GLI ETNEI NEL RECUPERO, CATANIA – PALERMO 1-1

CALCIO SERIE A: ILICIC BEFFA GLI ETNEI NEL RECUPERO, CATANIA – PALERMO 1-1

"La disperazione del Palermo, che si giocava l’ultimo treno per rimanere in serie A, ha avuto la meglio sulla voglia di brividi europei degli etnei, quasi perfetti per 94 minuti. Trenta secondi oltre la fine dei quattro minuti di recupero Ilicic trova infatti l’insperato pari, fissando il risultato su un 1 a 1 che sta meglio al Palermo, regalando ai rosa una concreta speranza di rimanere nella massima serie".

Print Friendly, PDF & Email

calcio serie A. La disperazione del Palermo, che si giocava l’ultimo treno per rimanere in serie A, ha avuto la meglio sulla voglia di brividi europei degli etnei, quasi perfetti per 94 minuti. Trenta secondi oltre la fine dei quattro minuti di recupero Ilicic trova infatti l’insperato pari, fissando il risultato su un 1 a 1 che sta meglio al Palermo, regalando ai rosa una concreta speranza di rimanere nella massima serie. Catania quasi perfetto eppure beffato, che si addormenta proprio quando i tre punti sembravano ormai acquisiti. Ma si sa, nel calcio un secondo può valere una partita e una stagione intera. Il gol di Barrientos a metà ripresa aveva fatto esplodere e sognare il Massimino: Catania a 50 punti (record storico), in piena corsa per l’Europa (sarebbe stata a meno tre) e alla settima vittoria di fila in un derby casalingo. Poi il lampo di Ilicic e di nuovo tutti coi piedi per terra sotto il Vulcano.

Il Palermo arriva al derby decisivo senza il suo simbolo: capitan Miccoli infatti non ce la fa, lasciando il posto al centro dell’attacco a Boselli, preferito a Dybala ed Hernandez, supportato da Ilicic, che indossa per l’occasione la fascia da capitano. Nel Catania l’unica defezione è quella di Alvarez, rimpiazzato da Bellusci, con Legrottaglie e Almiron che rientrano dopo qualche guaio fisico. Classico 4-3-3 per gli etnei con Castro che parte dalla panchina.

Già dai primi minuti è chiara la chiave tattica del match: sebbene gli obiettivi delle due compagini siano diversi – il Palermo è obbligato a salvarsi, per il Catania l’Europa è un obiettivo ambizioso ma non categorico – sono gli etnei a fare la partita, con gli ospiti costretti a giocare di rimessa. Proprio da due contropiedi nascono due chance per i rosa, con in entrambi i casi Ilicic protagonista (sulla seconda miracolo di Andujar in uscita). Il Catania preme e quando Gomez e Izco riescono a saltare l’uomo sono dolori per la retroguardia rosanero. La grande occasione capita a metà ripresa sui piedi di Almiron, la cui deviazione sottomisura finisce però alta di poco. Col passare dei minuti cresce d’intensità la pressione del Palermo, che prende in mano la partita andando vicina al centro ancora con Ilicic, il più ispirato dei suoi. Al 45’, tegola in casa Catania: Izco si fa male, dentro Biagianti.

Nella ripresa, il Catania riprende il controllo del gioco, ricacciando gli ospiti nella propria metà campo. Al quarto d’ora, Maran capisce che i suoi hanno gamba e mette dentro Castro per Almiron, passando al 4-2-3-1. La mossa dà la spinta decisiva agli etnei, che al 24’ proprio da un’azione corale iniziata dal Pata e rifinita da Gomez trovano il vantaggio con Barrientos, abile ad inserirsi tra le maglie della difesa palermitana e a battere Sorrentino con l’aiuto del palo. Gli ospiti accusano il colpo, non riuscendo ad imbastire una trama offensiva degna di impensierire la difesa etnea, nonostante gli ingressi di Dybala e del rientrante Abel Hernandez. Ma proprio quando il Catania sembrava in pieno controllo, la doccia fredda: quarto ed ultimo minuto di recupero scaduto, lancio dell’avemaria di Sorrentino, spizzata di Hernandez e deviazione vincente di Ilicic, tutto solo davanti ad Andujar. Pari insperato, rissa furibonda (Andujar rifila un pugno a Barreto e prende il rosso) e triplice fischio. Tutto in pochi secondi.

Il tabellino.

CATANIA-PALERMO 1-1

MARCATORI: 24’ s.t. Barrientos, 49’ Ilicic.

CATANIA (4-3-3): Andujar; Bellusci, Legrottaglie, Spolli, Marchese; Izco (45’ Biagianti), Lodi, Almiron (13’ s.t. Castro); Barrientos, Bergessio, Gomez. (Frison, Potenza, Rolin, Keko, Salifu, Cani, Capuano, Messina, Doukara). All. Maran.

PALERMO (3-5-2): Sorrentino; Munoz (28’ s.t. Rios), Von Bergen, Aronica; Morganella, Barreto, Donati, Kurtic (33’ s.t. Hernandez), Dossena; Ilicic, Boselli (12’ s.t. Dybala). (Benussi, Viola, Anselmo, Fabbrini, Faurlin, Nelson, Garcia, Brichetto, Formica). All. Sannino.

ARBITRO: Mazzoleni.

NOTE: Ammoniti Donati, Dossena, Munoz, Spolli e Bellusci. Espulso: 49’ s.t. Andujar. Angoli: 7-5. Recuperi: 2′, 4′.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook