Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: RINVIATO IL PROCESSO AL MARITO DI ANNA FINOCCHIARO

CATANIA: RINVIATO IL PROCESSO AL MARITO DI ANNA FINOCCHIARO

“E' stato rinviato al prossimo 25 giugno, per un difetto di notifica, il processo, davanti alla terza sezione penale del tribunale di Catania alle quattro persone accusate di abuso d'ufficio e truffa per l'appalto del Pta di Giarre, assegnato alla società di Melchiorre Fidelbo marito di Anna Finocchiaro”

Print Friendly, PDF & Email

Catania. Per un difetto di notifica slitta al 25 giugno il processo che si svolgerà davanti alla terza sezione penale del tribunale di Catania. Quattro le persone imputate per la procedura amministrativa che avrebbe portato all’affidamento senza gara dell’appalto per l’informatizzazione del Presidio territoriale di assistenza (Pta) di Giarre, assegnato alla “Solsamb”, società guidata da Melchiorre Fidelbo, marito della senatrice del Pd Anna Finocchiaro possibile candidata alla presidenza della Repubblica. L’accusa è abuso d’ufficio e truffa aggravata, imputati oltre a Fidelbo, sono gli ex direttori amministrativi dell’Azienda sanitaria provinciale di Catania, Giuseppe Calaciura e dell’Asp, Giovanni Puglisi, e quello generale dell’Asp 3 Antonio Scavone, oggi senatore eletto nelle file del Pdl in quota Pds-Mpa.

L’inchiesta è coordinata dal procuratore aggiunto Michelangelo Patanè e dal sostituto Alessandro La Rosa, e riguarda la delibera del 2010 che autorizzava l’Asp di Catania a stipulare un convenzione con la “Solsamb” per il Pta di Giarre che, secondo l’accusa, sarebbe stata redatta “senza previo espletamento di una procedura ad evidenza pubblica e comunque in violazione del divieto di affidare incarichi di consulenza esterna”, così come prevede la normativa regionale. L’atto, sostiene la Procura: “avrebbe procurato un ingiusto vantaggio patrimoniale alle Solsamb consistito nell’affidamento diretto alla società di una prima anticipazione di 175 mila euro”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook