Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: BOSS VUOTA IL SACCO, ARRESTATO ISPETTORE PENITENZIARIO. 77 INDAGATI

CATANIA: BOSS VUOTA IL SACCO, ARRESTATO ISPETTORE PENITENZIARIO. 77 INDAGATI

“E’ stata denominata operazione "Fiore bianco" l’imponente operazione contro cosa nostra etnea. Sono state decisive le rivelazioni del pentito Santo La Causa, ex reggente della cosca Santapaola arrestato nel 2009 dai carabinieri del reparto operativo di Catania, mentre partecipava a un vertice di mafiosi etnei. Scoperte estorsioni al Villaggio Sant'Agata e a Picanello. Il poliziotto forniva al clan telefonini e champagne. Il procuratore Salvi spiega che è stata decisiva la collaborazione di 18 imprenditori. Scattano le manette anche per un ispettore penitenziario”

Print Friendly, PDF & Email

Catania. Il boss Santo La Causa collabora ufficialmente dal maggio dello scorso anno, parlando con i magistrati della Dda della Procura di Catania che si occupa delle inchieste sul clan Santapaola. Inserito nella lista dei 30 ricercati più pericolosi d’Italia, il collaboratore di giustizia era indicato come il reggente della cosca Santapaola. La Causa è stato arrestato l’8 ottobre del 2009 dai carabinieri del reparto operativo di Catania, mentre partecipava a un vertice di mafiosi etnei. L’operazione fiore bianco” ha prodotto 77 indagati che sono destinatari di un provvedimento restrittivo emesso dal gip di Catania nell’ambito dell’operazione contro cosa nostra. L’esecuzione dei mandati è stata affidata ai carabinieri del comando provinciale.

L’inchiesta della Dda della Procura si è basata anche su dichiarazioni del capomafia pentito Santo La Causa. I carabinieri hanno fatto luce su venti estorsioni della famiglia Santapola nei rioni Villaggio Sant’Agata e Picanello, ma anche a Belpasso e San Pietro Clarenza, con altri 11 gruppi operanti nella provincia etnea. Tra gli arrestati anche un ispettore di polizia penitenziaria di Bicocca, Giuseppe Seminara, gli inquirenti lo ritengono responsabile di aver messo a disposizione degli affiliati detenuti del clan, in più circostanze, telefoni cellulari, radio, orologi, champagne ed altro, oltre ad informarli delle traduzioni(in carcere) che riguardavano gli appartenenti alla famiglia.

“Hanno collaborato ben 18 imprenditori. E questo non è un dato che nasce dal nulla, ma dal lavoro molto duro dei carabinieri, e ha radici anche nella collaborazione di soggetti rilevanti in Cosa nostra”, ha spiegato il procuratore capo di Catania Giovanni Salvi. Secondo  il magistrato questo: “Si è ottenuto un risultato utile per fare capire ai cittadini che è possibile avere dei risultati positivi. Io spero che si riescano ancora a rafforzare i tempi del nostro intervento, perchè è altrettanto importante che farlo bene”. La Direzione distrettuale antimafia di Catania di aver assestato un duro colpo a Cosa nostra etnea. L’organizzazione era stata già “duramente provata dalle ultime retate” eseguite dal comando provinciale dei carabinieri, coordinate dalla Procura della Repubblica, grazie soprattutto alla coraggiosa collaborazione  delle vittime del racket che hanno scelto di valicare il confine del silenzio e dell’omertà per approdare nella legalità”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook