Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

MUOS: LA PROTESTA ANCHE A ROMA. IN PIAZZA SAN PIETRO E PALAZZO CHIGI

MUOS: LA PROTESTA ANCHE A ROMA. IN PIAZZA SAN PIETRO E PALAZZO CHIGI

“L’amministrazione comunale con a capo il sindaco di Niscemi Francesco La Rosa, seguito dalla giunta al completo con i consiglieri comunali, richiamano l'attenzione nazionale sulla vicenda delle antenne Usa in Sicilia. Ieri manifestazione in piazza San Pietro, oggi i rappresentanti della comunità di Niscemi sono davanti la sede del governo. Sul caso è stato convocato un tavolo tecnico tra i ministri dell’Interno, della Difesa e degli Esteri dove saranno presenti il presidente Crocetta e il sindaco La Rosa”.

Print Friendly, PDF & Email

Muos. Dopo aver esposto ieri lo striscione in piazza San Pietro a Roma per l’Angelus, oggi alcuni rappresentanti dei “No Muos” con il sindaco Francesco La Rosa e la sua Giunta al completo, il presidente del Consiglio Luigi Licata e tutti i consiglieri comunali, hanno esposto lo striscione davanti la sede del governo. Manifestazione di protesta volta a catalizzare l’attenzione nazionale e delle istituzioni sulla complicata vicenda dell’installazione delle antenne Muos che sono in fase di costruzione nella Base Usa di Niscemi. Una circostanza, parecchio ingarbugliata, caratterizzata da eventi ambigui e da tira e molla di autorizzazioni in un primo momento rilasciate e poi revocate, tra un blocco e poi ripresa dei lavori, presidi e blocchi. Ieri mattina il sindaco di Niscemi Francesco La Rosa, gli assessori e i consiglieri comunali sono arrivati a Roma con un pullman e scortati dalla polizia che li attendeva all’ingresso nella Capitale fino a piazza San Pietro, con l’intento di esprimere civile dissenso alla realizzazione dell’impianto Muos in occasione dell’Angelus domenicale di Papa Francesco. Una volta arrivati in piazza hanno srotolato uno striscione di protesta con la scritta “No Muos – anche noi veniamo dalla fine del mondo”. Però è successo che a causa di un fitto cordone istituito dalle forze dell’ordine, gli amministratori e i consiglieri comunali di Niscemi si sono trovati relegati ai margini di piazza San Pietro durante la recita dell’Angelus di Papa Francesco, senza riuscire a collocarsi in una posizione più centrale e visibile. Nonostante ciò, gli amministratori niscemesi sono riusciti ad aprire lo striscione di protesta in Piazza San Pietro.

La posizione era poco favorevole ma, amministratori e consiglieri comunali sono riusciti ugualmente a richiamare l’attenzione pubblica sul Muos, poiché tantissime persone al momento presenti a Piazza San Pietro, hanno notato la scritta e si sono avvicinati per chiedere informazioni. Questa mattina, sindaco in prima fila, con assessori e consiglieri comunali hanno riaperto lo striscione anche davanti palazzo Chigi. Non c’è dubbio comunque che la notizia della missione romana No Muos degli amministratori comunali, un certo effetto l’ha suscitato nei palazzi del Governo centrale, al punto tale che il sindaco Francesco La Rosa, è stato convocato per oggi pomeriggio alle 17 a partecipare al tavolo tecnico con i ministri dell’Interno, della Difesa e degli Esteri. All’incontro è prevista anche la partecipazione del presidente della Regione Rosario Crocetta. Così anche il sindaco La Rosa avrà modo di sentire, questo pomeriggio, gli importanti problemi che imperversano sulla delicata vicenda Muos. Infatti, si troveranno lì per esprimere il loro fermo dissenso rappresentando l’Amministrazione, il Consiglio comunale e la popolazione per ribadire il loro No alla realizzazione dell’impianto, sul quale gli studi scientifici dei professori Coraddu e Zucchetti del politecnico di Torino, ne hanno confermato la nocività per la salute umana e l’ambiente del territorio.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook