LAMPEDUSA (AG): CONDANNATO EX SINDACO DE RUBEIS, DOVRÀ RISARCIRE 380 MILA EURO

LAMPEDUSA (AG): CONDANNATO EX SINDACO DE RUBEIS, DOVRÀ RISARCIRE 380 MILA EURO

“L’ex sindaco di Lampedusa, Bernardino De Rubeis, secondo la Corte dei conti avrebbe causato un danno erariale all'amministrazione per aver conferito illegittimamente 27 incarichi”.

Print Friendly, PDF & Email

Lampedusa. La Corte dei Conti ha condannato L’ex sindaco, Bernardino De Rubeis, a rimborsare oltre 380mila euro al Comune. Secondo l’accusa De Rubeis e, in misura minore, il vicesindaco Giovanni Sparma, condannato a rimborsare 8mila euro, avrebbero causato un danno erariale all’amministrazione avendo illegittimamente assegnato incarichi nel Comune di Lampedusa-Linosa. Il procedimento è stato aperto a causa di un esposto del gruppo consiliare del Partito democratico su presunte irregolarità nella nomina dei componenti dell’ufficio di gabinetto del sindaco. Secondo il procuratore, l’ex sindaco De Rubeis con una determina ha organizzato nel 2007 l’ufficio “per supportare le funzioni di indirizzo e controllo” che era composto da una sola persona.

L’anno dopo cioà nel 2008 lo ha potenziato con altre due persone e dopo con altre dodici fino ad arrivare a 27 dipendenti di categorie comprese tra la A e la D. Secondo quanto sostenuto dall’accusa, accolta dalla corte, le nomine e le proroghe dei soggetti esterni operate dal sindaco e, in un caso, dal vicesindaco, sarebbero state illegittime e inutili. Il collegio osserva che “la violazione dei criteri di economicità e buona amministrazione, nonchè dei limiti legislativi imposti in materia di assunzione di personale presso gli enti locali, sia sufficiente a configurare quanto meno la colpa grave”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook