Archiviato in | Musica, Spettacolo

ERSU MESSINA: FESTIVAL DELL’ORCHESTRA E DEL CORO

ERSU MESSINA: FESTIVAL DELL’ORCHESTRA E DEL CORO

“Concerto di apertura della seconda edizione del Festival dell'Orchestra e del Coro dell'Ersu di Messina: grande omaggio al cigno siciliano Vincenzo Bellini”.

Print Friendly, PDF & Email

Ersu Messina. Nella Basilica Santuario di Sant’Antonio a Messina si è svolto il concerto di apertura della seconda stagione del “Festival dell’Orchestra e del Coro dell’Ersu di Messina” che, anche quest’anno, gode della Direzione Artistica del noto pianista concertista siciliano Gianfranco Pappalardo Fiumara. La serata ha previsto l’esecuzione, in prima assoluta a Messina, di due vere chicche del compositore catanese: la “Messa seconda in sol minore” e il “Te Deum in do maggiore” e, a sorpresa, la “Sonata in sol” per tastiera eseguita dallo stesso direttore artistico all’organo della basilica. Alla testa dell’Orchestra dell’Ersu (primo violino Antero Arena) e del Coro dell’Ersu (per l’occasione rinforzato da alcuni elementi del Coro Lirico Siciliano) Francesco Costa, già giovanissimo maestro del coro dell’Ersu e, in questa serata, nella veste anche di direttore d’orchestra. Solisti il soprano Giovanna Collica, il mezzosoprano Antonella Arena, il tenore Fabio Di Stefano e il basse-baritone Riccardo Bosco.

In apertura del recital Pappalardo Fiumara ha voluto esprimere a nome suo, dell’Ersu e degli artisti intervenuti tutti, piena solidarietà ai colleghi del Teatro Vittorio Emanuele di Messina che sta vivendo, come ormai è ampiamente noto, un momento di grossissime difficoltà, con, addirittura, il fantasma della chiusura che aleggia sul teatro cittadino e la mancata soluzione dell’annoso problema economico e, soprattutto, gestionale da parte della Regione Sicilia che pare aver dimenticato dell’esistenza di questa città e di questo importante contenitore culturale.

In effetti la stagione dell’Ersu è divenuta, già al suo secondo anno di attività, un punto di riferimento per l’intera città che affolla i concerti, tutti a ingresso libero, che si svolgono a S. Antonio e che propongono, sempre più spesso, programmi molto raffinati e ricercati con diverse prime esecuzioni assolute, come fu per la Compieta Maggiore di F. P. Neglia e molti altri spettacoli proposti.

Ma andiamo al concerto di domenica scorsa: prima di tutto, il direttore, Francesco Costa, che si è rivelato ancora una volta ottima guida per la giovane compagine, riuscendo a cogliere lo spirito di Bellini nelle partiture giovanili eseguite in cui si evince, talvolta inequivocabilmente, il germe della genialità del nostro più importante compositore, quella genialità che l’avrebbe portato, da li a poco, a comporre le impareggiabili pagine operistiche che gli sono valse il grande rispetto e ammirazione dei più grandi compositori della storia della musica, non ultimo il grande Wagner.

Il quartetto solistico ha regalato belle emozioni, con in testa il soprano Giovanna Collica, cantante belliniana, che ha dato dimostrazione di grande padronanza tecnica con l’emissione “a fil di voce” e con ampie dinamiche. Il mezzosoprano Antonella Arena è riuscita a districarsi nella non facile parte assegnatale con l’emissione di begli acuti risonanti di petto e, ad un tempo, gravi udibili. Stessa sorte toccata a Fabio Di Stefano, tenore, che in questa composizione canta solo il finale, assieme al coro, ma si deve esprimere in un vortice di agilità di non facile esecuzione che, invece, il ersu_Messa_Bellini_terzetto_mecantante ha ben eseguito. Infine, ma non per importanza, il basse-baritone Riccardo Bosco, che ha colpito in particolare per la voce pastosa e di qualità e per l’emissione controllata e curata.

Il Coro dell’Ersu, come detto rinforzato per l’occasione dai colleghi del Coro Lirico Siciliano, abbiamo imparato ormai a conoscerlo e si conferma una giovane realtà di qualità. Curata l’emissione, buoni impasto e presenza vocale, buona intonazione e belle voci. Anche l’orchestra ha dato una buona prova e, in particolare, hanno impreziosito la serata le parti soliste del corno e del fagotto. L’intermezzo è stato offerto dallo stesso Pappalardo Fiumara che ha interpretato all’organo la Sonata in sol con la consueta mestria e con un gusto raffinato.

Gran finale con il potente Te Deum che ha emozionato il folto pubblico presente in sala, che ha salutato l’esecuzione con calorosi applausi. Prossimi appuntamenti il 13 aprile sempre alle 19:30 con un programma interamente dedicato a Mozart con la “Gran Partita” e il “Quintetto in mi bemolle” per fiati e pianoforte. Pianoforte solista Pappalardo Fiumara, dirige Giuseppe Maio. Il 26 maggio con la musica argentina: “Misa Criolla” di Ramirez in omaggio al nuovo pontefice Francesco. Dirige Francesco Costa con la chitarra solistica di Agatino Scuderi e il tenore Dave Monaco. il 12 giugno con l’esecuzione della Messa di Requiem k 626 di Mozart, con i solisti dell’Ersu e direttore Luigi Prestipino e il 15 giugno, in occasione della notte bianca di Messina e del bicentenario della nascita di Verdi “Le Verdiadi”, un concerto con il coro e l’orchestra diretto da Giuseppe Maio tutto dedicato al grande compositore di Busseto.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook