Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: TRE ARRESTI PER L’AGGUATO AL BOSS COLOMBRITA

CATANIA: TRE ARRESTI PER L’AGGUATO AL BOSS COLOMBRITA

“Intercettazioni della Dda incastrano il mini commando che nel 2009 voleva eliminare il boss Colombrita. Dalle indagini è emerso che il reggente del clan, Francesco Di Stefano fu il mandante del tentato omicidio”.

Print Friendly, PDF & Email

Catania. Il mafioso Francesco Di Stefano, 38 anni ha ricevuto un nuovo ordine di custodia cautelare in carcere. Di Stefano è stato arrestato a Catania da agenti della squadra mobile per il tentativo di omicidio di Orazio Pardo e Salvatore Liotta, avvenuto l’1 ottobre del 2009. Si pensa che allora vi erano forti contrasti tra due clan rivali per il controllo di un’estorsione a un imprenditore edile. Di Stefano, era stato arrestato il 6 ottobre del 2011 per l’agguato, ma il provvedimento era stato annullato successivamente dal tribunale del riesame. Inoltre è ritenuto esponente del gruppo dei Cursoti Milanesi. La Procura non ha chiuso il fascicolo e, in base alle dichiarazioni del collaboratore di giustizia Michele Musumeci, ha chiesto, e ottenuto dal gip, l’emissione di un ordine di carcerazione per tre indagati. Nicola Christian Parisi, già detenuto, e Rosario Angrì, arrestato dalla squadra mobile sono gli altri due destinatari dell’ordine di custodia cautelare in carcere. Nell’agguato rimasero feriti, in maniera non grave, due presunti esponenti della cosca Cappello: Orazio Pardo a un piede e Salvatore Liotta a una gamba. I due non si fecero medicare in strutture pubbliche né denunciarono l’accaduto.

Le mosse dei feriti sono emerse ugualmente grazie a intercettazioni che la polizia manteneva attive sui due gruppi criminali. Il vero obiettivo dei killer cursoti era il boss Colombrita, non trovandolo aprirono il fuoco contro Pardo e Liotta, ferendoli entrambi. Di Stefano, ritenuto l’allora reggente dei Cursoti Milanesi, è indicato dalla squadra mobile come il mandante dell’agguato, mentre a Parisi e Angrì è contestata l’accusa di avere avuto un ruolo nell’esecuzione materiale del tentativo di omicidio di Orazio e Salvatore Liotta. In particolare ad Angrì è contestato di avere messo a disposizione un’auto al gruppo di fuoco, partecipando a distanza all’agguato. L’inchiesta si avvale delle dichiarazioni dei collaboratori Vincenzo Pettinati, Eugenio Sturiale, Gaetano D’Aquino e Gaetano Musumeci, che avevano evidenziato il conflitto tra la cosca Cappello e i Cursoti Milanesi a causa di una estorsione contesa a un imprenditore edile. La prima ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip, nel 2011, è stata successivamente annullata dal Tribunale del riesame, che ha ritenuto le dichiarazioni dei ‘pentiti insufficienti perchè rese de relato’. Dopo la collaborazione di Michele Musumeci, alla luce del nuovo quadro indiziario emerso, la Dda della Procura ha chiesto una nuova misura cautelare, che il gip ha emesso.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook