Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

ANTONIO INGROIA: IL CSM DECIDE, IL MAGISTRATO SI SPOSTA AD AOSTA

ANTONIO INGROIA: IL CSM DECIDE, IL MAGISTRATO SI SPOSTA AD AOSTA

“Il Consiglio superiore della magistratura dispone il trasferimento ad Aosta dell'ex pm di Palermo con 19 pareri a favore e 7 astenuti. Il magistrato ha chiesto inutilmente un'audizione prima della votazione: ''Sono sconcertato. Non hanno valorizzato la mia professionalità, disprezzando il lavoro che ho svolto in questi anni è un provvedimento punitivo”.

Print Friendly, PDF & Email

Antonio Ingroia, trasferito alla procura di Aosta come sostituto. Lo ha deciso il plenum del Csm con 19 voti a favore e 7 astenuti. Si è quindi preferito derogare alla circolare del Csm che stabilisce che chi si candida non può tornare a fare il pm e non alla legge sul sovrannumero, visto che al tribunale di Aosta Ingroia sarebbe in sovrannumero, mentre in Procura vi è un posto libero.  Tornerebbe ad Aosta tenuto in considerazione che è l’unica circoscrizione in cui Ingroia, che ha preso parte alle elezioni di febbraio con Rivoluzione civile, dove non si sia candidato e quindi l’unica in cui potrebbe riprendere la sua attività di magistrato. La terza commissione del Csm, che nei giorni scorsi aveva esaminato il caso, aveva proposto il trasferimento al tribunale di Aosta, ma Magistratura Indipendente ha avanzato la proposta di uno spostamento alla procura. Per trovare una soluzione unitaria il plenum del Csm, che già si era riunito ieri pomeriggio, aveva rinviato a oggi la decisione. Ingroia ha inviato al Csm una richiesta per essere ascoltato sulla questione del trasferimento ad Aosta ma il plenum del Consiglio è passato direttamente al voto e ha decretato lo spostamento del magistrato alla procura aostana. “C’è un orientamento contrario ad un ritorno della pratica in Commissione e a un’audizione in plenum – ha così spiegato il vicepresidente del Csm, Michele Vietti”.

Michele Vietti ha anche precisato che al Csm è giunto questa mattina un fax da Ingroia con la richiesta di essere ascoltato relativamente alla pratica dell’assegnazione di sede e quindi della vicenda di Aosta. Roberto Rossi, presidente della III commissione, che in questi giorni ha esaminato il caso Ingroia prima del passaggio in plenum, ha spiegato che “formalmente non si può chiedere un ritorno della pratica in Commissione nè credo ci sia un’ipotesi di audizione in plenum: c’è già stata un’interlocuzione”.

“Il Csm – ha spiegato Ingroia stamane a Tgcom24 – ha fatto valutazioni che mi lasciano un po’ sconcertato. Prendo atto delle decisioni che non mi sembrano ispirate da disponibilità e attenzione nei confronti di un magistrato come me che per 25 anni ha dedicato la propria vita e la propria attività nella lotta alla mafia. Non so le ragioni perchè si è parlato di alcune regole come se fossero inflessibili ma lo stesso Csm ha violato le regole che dice di essersi dato. Mi mandano a fare il Pm e non il giudice, violando la regola che chi rientra da un’aspettativa politica non può fare il pm. Perchè fare un’eccezione a questa regola e non eccezioni a regole relative a sede di destinazione e funzioni? È difficile non scorgere un effetto punitivo in questi provvedimenti. Ne terrò conto. Si è trascurata la possibilità di mettere a frutto la mia esperienza. Una punizione? Ha il sapore di un provvedimento punitivo. Ne prendo atto e aspetto che mi venga notificato il provvedimento”.

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook