CROCETTA-PRECARI: DURO SCONTRO DURANTE LA RIUNIONE

CROCETTA-PRECARI: DURO SCONTRO DURANTE LA RIUNIONE

“Clima infuocato a Palazzo dei Normanni teatro di un duro scontro tra il presidente Crocetta e alcuni dipendenti precari degli enti locali che chiedono la stabilizzazione del loro posto di lavoro”.

Print Friendly, PDF & Email

Crocetta-precari. Prima dell’incontro il presidente rivolgendosi ai giornalisti ha precisato: “Non c’è bisogno che i precari facciano scioperi né manifestazioni abbiamo previsto le somme a copertura dei loro contratti per l’intero anno, senza alcuna riduzione del 20%. Faremo la manovra attraverso l’utilizzo produttivo di una parte del precariato risparmiando sulle esternalizzazioni di alcuni servizi e dunque tutti i precari avranno confermato il monte ore. Abbiamo trovato copertura finanziaria anche per i forestali”. Poi l’incontro con i precari degli enti locali in attesa del rinnovo del contratto e di una stabilizzazione definitiva caratterizzato da un Clima di tensione. Poi, uno scontro accesissimo nella sala gialla di Palazzo di Normanni dove Crocetta ha fronteggiato verbalmente le accuse di alcuni precari esagitati. In sala vi erano circa 150 persone, tra cui alcuni sindaci. Il presidente ha replicato con fermezza alle contestazioni dei precari che chiedono da tempo la stabilizzazione e che temono di essere licenziati a fine luglio, dopo la proroga di quattro mesi che il governo si appresterà a inserire nella legge di stabilità (infatti i loro contratti terminano ad aprile alla scadenza dell’esercizio provvisorio) in attesa che il governo nazionale conceda loro un’ulteriore proroga fino a dicembre di quest’anno.

Mentre Crocetta ricordava che i problemi legati ai precari risalivano alle scelte del governo Monti e a quelle dei precedenti governi della Regione, sono volate in aria parole pesanti che hanno infuocato il clima. Non è bastato l’intervento di alcuni assistenti parlamentari, i quali sono dovuti intervenire per sedare gli animi dei più esagitati, intervenendo tra alcuni precari e il presidente seduto accanto ai componenti della commissione Lavoro dell’Ars. Al termine della riunione gli assistenti parlamentari hanno fatto defluire i presenti all’incontro, in un clima di tensione, sotto gli sguardi attenti degli uomini della Digos e del servizio di scorta del presidente Crocetta che subito dopo si è spostato in sala giunta per presiedere una riunione di maggioranza che stava per iniziare.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook