Archiviato in | Politica, Politica Regionale

ANTONIO INGROIA: CODACONS DIFFIDA CSM, “NOMINA INCOMPATIBILE”

ANTONIO INGROIA: CODACONS DIFFIDA CSM, “NOMINA INCOMPATIBILE”

“A fomentare le polemiche il Codacons dopo l'incarico al vertice Riscossione Sicilia Spa conferito dal presidente Crocetta al leader di Rivoluzione Civile: "Un ruolo pubblico troppo importante per un magistrato che fino a poco tempo fa indagava nell'Isola". Interviene anche il Pds-Mpa: "Vedremo se l'M5s si piegherà a questa scelta in commissione Bilancio"

Print Friendly, PDF & Email

Antonio Ingroia. I responsabili del Codacons intervengono sulla recente nomina del magistrato palermitano, affermando che non può essere nominato a capo della società Riscossione Sicilia Spa, avendo esercitato per anno il ruolo di magistrato proprio in Sicilia. L’associazione dei consumatori annuncia una diffida al Csm affinchè non venga rilasciato il relativo nulla osta per il magistrato. “Nonostante il fine pubblico della nomina – si legge nella nota del Codacons – l’incompatibilità è evidente: come può un magistrato che fino a ieri ha indagato in Sicilia, assumere il compito di far pagare le tasse proprio nella regione in cui ha operato e ha acquisto informazioni nell’ambito delle sue funzioni?”. L’associazione diffida dunque il Csm a non concedere il nulla osta ad Ingroia, e stigmatizza la scelta di “casta” di affidare un ruolo così importante ad un soggetto uscito sconfitto dalle ultime elezioni politiche. “Non è possibile – spiegano i responsabili dell’associazione – che un magistrato, candidato alle elezioni politiche in tutta Italia tranne che in Valle d’Aosta, non sia eletto da nessuna parte e gli venga offerto il posto di presidente di un così importante ente proprio nella regione dove per anni ha esercitato la funzione di magistrato”.

In merito alla questione si legge in un cominicato dei deputati regionali del Partito dei Siciliani-Mpa Salvatore Lombardo e Vincenzo Figuccia: “La nuova composizione del Cda di Riscossione Sicilia annunciata dal presidente Crocetta, viola le disposizioni previste nel testo della cosiddetta ‘Spending Review’ nazionale che, nel caso specifico, trovano applicazione diretta anche in Sicilia. In particolare, la normativa nazionale appena citata prevede che i Cda delle società controllate direttamente o indirettamente dalle pubbliche amministrazioni – rilevano i parlamentari siciliani – debbano essere composti da massimo tre membri, di cui almeno due dipendenti dell’amministrazione titolare della partecipazione. Pertanto, senza sindacare il merito e le professionalità di alto profilo scelte dal Presidente – concludono – questi, ancora una volta, adotta una scelta illegittima che cagionerà non solo un danno erariale alle casse regionali, ma anche la nullità di tutti gli eventualmente deliberati da questo illegittimo Cda. Auspichiamo che il Movimento 5 Stelle, in Commissione Bilancio, non si pieghi a questo ennesimo gioco delle nomine del presidente Crocetta”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook