Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: DIRIGENTI COMUNALI CONDANNATI A RISARCIRE 300 MILA EURO

CATANIA: DIRIGENTI COMUNALI CONDANNATI A RISARCIRE 300 MILA EURO

“I funzionari sono accusati di avere causato una danno alle casse del comune di Catania, si tratta di Salvatore Di Gregorio, Salvatore Buttà e Antonio Di Mauro”.

Print Friendly, PDF & Email

Catania. Condannati tre dirigenti del Comune di Catania a risarcire all’Amministrazione circa 300 mila euro. I giudici di appello della Corte dei Conti hanno condannato i dirigenti che erano accusati di aver causato, in parte, un danno erariale di oltre 2 milioni e mezzo di euro. Si tratta dei funzionari, Salvatore Di Gregorio, era responsabile del Servizio finanziario nonchè responsabile del procedimento per la predisposizione delle proposte di delibera di approvazione dei bilanci incriminati, dovrà versare 232 mila euro. Salvatore Buttà, responsabile del Servizio entrate, dovrà pagare 49 mila euro, mentre Antonio Di Mauro, responsabile del Servizio patrimonio, deve 26 mila euro. Rispetto al primo grado il risarcimento è stato pressochè dimezzato. I giudici di appello hanno ritenuto i dirigenti responsabili in parte del danno erariale causato dagli interessi (circa 2 milioni e mezzo di euro) sulle anticipazioni di cassa utilizzate per coprire la voragine causata da entrate sovrastimate, negli esercizi finanziari 2003 e 2004. Il procedimento riguardava anche Angelo Greco, direttore della settima Direzione urbanistica che è stato assolto in appello.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook