Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

ANTONIO INGROIA: NOMINATO PRESIDENTE DI “RISCOSSIONE SICILIA”

ANTONIO INGROIA: NOMINATO PRESIDENTE DI “RISCOSSIONE SICILIA”

“Antonio Ingroia leader di Rivoluzione civile è stato nominato dal presidente Crocetta al vertice della società siciliana che si occupa d'imposte, mentre il Csm aveva proposto la sua ricollocazione al tribunale di Aosta”.

Print Friendly, PDF & Email

Antonio Ingroia. La notizia è arrivata dal presidente della Regione Siciliana, Rosario Crocetta dopo un incontro con il leader di Rivoluzione civile. Poi l’annuncio: “Abbiamo indicato Antonio Ingroia come presidente del Consiglio di amministrazione della Riscossione Sicilia SpA”. Il vice presidente del Cda di Riscossione Sicilia Spa è l’avvocato Lucia Di Salvo, moglie di un magistrato. Nel Cda anche l’avvocato Maria Mattarella, figlia di Piersanti, l’ex presidente della Regione Siciliana assassinato dalla mafia il sei gennaio 1980. Nei giorni scorsi la terza commissione del Csm aveva deliberato (con due astensioni e un assente) di proporre al Plenum la ricollocazione in ruolo dell’ex procuratore aggiunto di Palermo Antonio Ingroia, con funzioni di giudice, al tribunale di Aosta, unica sede d’Italia nella quale non era stato candidato. La decisione – spiegava una nota del Csm – “è stata presa nel rispetto del divieto previsto dall’art. 8 del DPR 30 marzo 1957 n. 361 che prevede che i magistrati candidati e non eletti non possono esercitare per un periodo di cinque anni le loro funzioni nella circoscrizione nel cui ambito si sono svolte le elezioni”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook