MESSINA: CISL, FONDI AL BELLINI ORA PRESSIONI PER IL VITTORIO EMANUELE

MESSINA: CISL, FONDI AL BELLINI ORA PRESSIONI PER IL VITTORIO EMANUELE

Print Friendly, PDF & Email

Messina. “Peso politico e incisività. Questo abbiamo chiesto e continuiamo a chiedere ai vertici del Teatro Vittorio Emanuele. Ma se dovessero dimostrare di non avere ne l’uno ne l’altro nei confronti dell’Amministrazione regionale siamo pronti a intraprendere la strada della mobilitazione”. Cettina Pizzo e Luigi Risitano, rispettivamente segretaria generale e segretario provinciale della Fistel Cisl di Messina, vanno all’attacco dopo la convulsa mattinata vissuta negli uffici dell’Ente di via Garibaldi in occasione del Consiglio d’Amministrazione.

A seguito della notizia arrivata direttamente dai colleghi di Catania nei corridoi del Teatro dell’anticipazione del contributo 2013, circa 3 milioni di euro, concesso dalla Regione al Teatro Bellini di Catania, i dipendenti hanno organizzato un’assemblea improvvisata poco prima della riunione del CdA chiedendo al presidente e al sovrintendente di essere ascoltati da tutti i membri del Consiglio. “Abbiamo chiesto – raccontano – una maggiore pressione nei confronti della Regione. Anche come Fistel Cisl abbiamo preso posizione perché non si può più stare solo ad aspettare ma bisogna far capire agli interlocutori regionali che a Messina non c’è più tempo né pazienza. E l’azione di pressing nei confronti dell’Assessorato regionale è compito dei vertici del Teatro, non dei sindacati”.

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook