Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

SANTA VENERINA (CT): CENERE LAVICA, COMUNI IN RIVOLTA CHIEDONO STATO DI CALAMITÀ

SANTA VENERINA (CT): CENERE LAVICA, COMUNI IN RIVOLTA CHIEDONO STATO DI CALAMITÀ

“Tenuto il vertice convocato d'urgenza a Santa Venerina, dai primi cittadini interessati dall'emergenza Etna. I sindaci chiedono alle istituzioni superiori misure che prevedano e coordinino modelli di intervento di rimozione della sabbia immediati e standardizzati”.

Print Friendly, PDF & Email

Santa Venerina. I sindaci dei Comuni di Santa Venerina, Acireale e Zafferana hanno convocato un incontro urgente a Santa Venerina tema prioritario l’emergenza cenere lavica caduta copiosa in numerosi paesi alle pendici dell’Etna dopo la nona eruzione lampo dell’anno. Alla riunione erano presenti il sindaco di Santa Venerina, Enrico Pappalardo, il vicesindaco Massimo Fresta e il responsabile dell’area tecnica Rosario Arcidiacono. Zafferana Etnea era rappresentata dal primo cittadino Alfio Russo e il vicesindaco Giuseppe Sapienza, il sindaco di Acireale Nino Garozzo e l’assessore alla protezione civile Nino Sorace. “L’Etna appartiene a tutti non soltanto per le sue bellezze naturali ma anche quando crea dei problemi, ormai periodicenere_lavicaci e costanti che hanno già messo in ginocchio le municipalità dell’hinterland etneo – hanno ribadito i rappresentanti delle amministrazioni riuniti per l’occasione – . Bisogna accelerare – spiegano, Enrico Pappalardo, Nino Garozzo e Alfio Russo – la domanda sullo stato emergenziale e sulla richiesta di riconoscimento dello stato di calamità naturale e di emergenza così come chiesto alla Regione Siciliana dai sindaci e dal Commissario della provincia dopo l’episodio del 16 marzo scorso. È necessario che gli enti superiori, prevedano e coordinino modelli di intervento di rimozione della cenere immediati e standardizzati. Non soldi, quindi, ma celerità per una solidarietà reale”.

I sindaci, dopo questo vertice ripropongono alla Regione Siciliana la creazione di un fondo per le Autonomie locali da cui attingere soltanto in base alle effettive necessità e dietro rendicontazione della Protezione civile regionale  per l’immediata rimozione della cenere vulcanica che può causare problemi alla salute e di provato pericolo per la circolazione viaria. “Pensiamo che la Giunta regionale dovrà approvare la delibera che riconosca lo stato di calamità naturale – concludono i tre sindaci – come ci è stato garantito circa 15 giorni fa a Palermo. Lo stato emergenziale significherebbe poter accedere a procedure diverse che ormai sono indifferibili”.

Dal vertice è emerso che i Comuni lamentano la mancanza di fondi per sostenere le operazioni di pulizia straordinaria. Basti pensare che la sabbia stoccata fuori dal perimetro urbano è considerata rifiuto inerte, ma se raccolta all’interno dei centri urbani diventa rifiuto da spazzamento ed è conferita in discarica con costo maggiore rispetto ai rifiuti inerti. I sindaci riuniti nel briefing univocamente hanno annunciato che, qualora venisse dichiarato lo stato di emergenza, i benefici derivanti dovranno essere allargati anche ai cittadini per rifonderli dei danni subiti per ripulire tetti, grondaie, terreni agricoli e per ripristinare le carrozzerie e i parabrezza delle auto danneggiate dalla pioggia di cenere e di pietrisco lavico”. La sabbia stoccata fuori dal perimetro urbano è considerata rifiuto inerte, ma stoccata all’interno dei centri urbani è considerata rifiuto da spazzamento ed è conferita in discarica con costi contenuti maggiore rispetto agli inerti.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook