Archiviato in | Politica, Politica Regionale

FORCONI: MARONI MANDA VIA EQUITALIA DA LOMBARDIA, CROCETTA SEGUA L’ESEMPIO

FORCONI: MARONI MANDA VIA EQUITALIA DA LOMBARDIA, CROCETTA SEGUA L’ESEMPIO

“Il leader del movimento dei Forconi Mariano Ferro annuncia: "Sono anni che chiediamo di licenziare l'attuale normativa adottata dall'ex Serit, si smetta di torturare le imprese e le famiglie in ginocchio per la crisi".

Print Friendly, PDF & Email

Forconi. Il leader dei Forconi, Mariano Ferro, ha evidenziato che “il presidente Maroni, considerata la drammatica situazione economica, che non è prerogativa solo siciliana, ha pensato bene di licenziare Equitalia e di istituire entro l’anno un ente di riscossione tutto lombardo più tenero e più vicino al territorio.Sono anni che chiediamo, tra gli altri punti, di licenziare l’attuale normativa adottata da Riscossione Sicilia, ex Serit, e oggi la risposta arriva da Milano. Anche in Lombardia evidentemente – si legge nella nota del responsabile del movimento – questa oggi è una delle priorità insieme all’accesso al credito. Ci piacerebbe se anche in Sicilia si smettesse di torturare le imprese e le famiglie, già in ginocchio per la crisi, con gli interessi di mora che dal 1 maggio aumenteranno addirittura del 15%, passando dal 4,55 al 5,22%, con sanzioni, agi, pignoramenti e fermi amministrativi che non guardano in alcun modo alle motivazioni del mancato pagamento dei tributi, che nessuno chiede di eludere”.

“Siamo sicuri, ma soprattutto, vogliamo sperare che nel pacchetto tsunami più volte evocato dal governatore Crocetta – conclude Ferro – questa vertenza troppo importante per tantissimi contribuenti, ma anche propedeutica per il rilancio di un’economia bloccata, possa trovare posto in prima fila. Pensiamo che ragionare su questo tema sia utile non solo per gli utenti ma anche per le casse della Regione”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook