Archiviato in | Politica, Politica Regionale

REGIONE SICILIANA: CROCETTA, SGARLATA SÌ, PRESTI NO. SUI SAGGI ALTRE SCELTE.

REGIONE SICILIANA: CROCETTA, SGARLATA SÌ, PRESTI NO. SUI SAGGI ALTRE SCELTE.

“Dopo il vertice a Castel di Tusa con Antonio Presti, il presidente della Regione Siciliana è rientrato a Palermo: ai giornalisti ha detto " Presti non mi pare che sia disposto a fare l'assessore". Mentre in commissione Affari costituzionali è scontro sul ddl sulla doppia preferenza”. Sulle scelte di Napolitano interviene: "Avrei preferito persone elette dal popolo".

Print Friendly, PDF & Email

Regione Siciliana. Dopo la breve permanenza a Castel di Tusa, il presidente della Regione Siciliana, Rosario Crocetta, è rientrato a Palermo. Egli si intrattenuto con Antonio Presti, il mecenate indicato come uno dei possibili sostituti di Battiato o Zichichi nella sua giunta. Al suo arrivo, conversando con i cronisti a Palazzo dei Normanni, Crocetta ha fatto capire che il mecenate e ideatore di Fiumara d’arte probabilmente declinerà l’offerta e aggiunge: “Antonio Presti è un artista, non credo voglia fare l’assessore, se prende tutto questo tempo per decidere non mi pare che sia predisposto. Mariarita Sgarlata, invece, è un dato consolidato. Mi piacerebbe chiudere la vicenda possibilmente oggi pomeriggio. Battiato deluso? Macchè, l’ho sentito e non gliene frega proprio niente”.

Con i giornalisti, Crocetta accenna qualche considerazione anche sulle ultime vicende politiche nazionali: “Dei saggi se ne poteva fare a meno, alcuni tra l’altro non mi piacciono per niente ma non faccio nomi. Al posto di Napolitano avrei preso nei gruppi dei cosiddetti saggi dei parlamentari, dei presidenti di Regione o dei sindaci, comunque persone elette dal popolo. Io premier? Non è una soluzione”. Alla domanda sulla trattativa con lo Stato riguardo l’applicazione dell’art.37 in riferimento al quale spettano alla Regione Siciliana le imposte versate dalle imprese che hanno stabilimenti nell’isola ma sede legale altrove, ha risposto che ancora non vende la pelle dell’orso prima di averlo ucciso: “ma posso affermare che sull’art.37 dello statuto speciale siamo sulla buona strada, sarà un fatto storico”. Intanto nel pomeriggio, l’aula dovrebbe riunirsi per l’esame del ddl sulla doppia preferenza di genere, ma il clima all’Ars non è dei migliori e Crocetta ha incontrato Ardizzone per fare il punto sui lavori. In commissione Affari istituzionali è in atto uno scontro sui 42 emendamenti al testo.

Alla riunione presente l’assessore alle Autonomie locali, Patrizia Valenti, che a margine dell’incontro ha parlato di turnover e Province. “Dal blocco del turnover la Regione avrà un risparmio di circa 10 milioni di euro, più un’altra riduzione di spesa derivante dall’allineamento del sistema pensionistico dei regionali a quello degli statali, a cominciare dalle pensioni di reversibilità, norma che sarà inserita nella legge di stabilità”. In arrivo i nuovi commissari prefettizi nelle Province di Catania, Trapani, Caltanissetta e Ragusa. l’assessore Valenti ha riferito:”Abbiamo chiesto ai Prefetti di indicare alcune soluzioni, comunque a breve avremo i nomi”. Dopo la pubblicazione della legge sull’abolizione della Province in Gazzetta ufficiale, i commissari in carica nei quattro enti sono decaduti e saranno sostituiti da commissari prefettizi. Non appena scadranno i mandati degli organi elettivi delle altre Province, anche lì saranno mandati i commissari prefettizi che rimarranno in carica fino a quando gli enti non saranno sostituiti dai liberi consorzi come prevede la legge (entro il 31 dicembre di quest’anno).

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook