Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

PALERMO: SEQUESTRATI TUTTI I BENI AL RE DELL’EOLICO

PALERMO: SEQUESTRATI TUTTI I BENI AL RE DELL’EOLICO

“Si chiama Vito Nicastri, 57 anni, di Alcamo “trasformato da elettricista a ricco imprenditore". Il suo patrimonio ammonterebbe a un miliardo e trecento milioni di euro. Per gli inquirenti terrebbe relezioni costanti con Cosa Nostra”

Print Friendly, PDF & Email

Palermo. I sigilli sono stati apposti ai patrimoni riconducibili a Vito Nicastri, 57 anni di Alcamo (Trapani), imprenditore nel settore della produzione di energia fotovoltaica ed eolica. La confisca di beni riguarda la Sicilia occidentale, la Lombardia, il Lazio e la Calabria. Gli investigatori credono che Nicastri sia coinvolto in numerose vicende, anche di rilievo penale, si sarebbe “relazionato costantemente con esponenti di Cosa nostra”. I beni che la Direzione investigativa antimafia sta confiscando in queste ore in Sicilia nei suoi confronti ammonterebbero a oltre un miliardo e trecento milioni di euro. Questa è l’operazione più cospicua mai effettuata in Italia, e come intenderebbero gli inquirenti “colpisce al cuore l’aria grigia di cosa nostra”. Le indagini economico-finanziarie, condotte dalla Dia, hanno consentito, secondo l’accusa, di stabilire che la posizione di vertice nel settore dell’energia alternativa da parte dell’imprenditore è stata acquisita grazie alla “contiguità consapevole e costante agli interessi della criminalità organizzata”. Secondo la Direzione investigativa antimafia, Nicastri, “attraverso una tumultuosa dinamica degli affari ha intrattenuto rapporti anche con società lussemburghesi, danesi e spagnole”.

Per gli inquirenti la vicinanza di Nicastri  “ai più noti esponenti mafiosi, ha favorito la sua trasformazione da elettricista a imprenditore specializzato nello sviluppo di impianti di produzione elettrica da fonti rinnovabili, facendogli assumere una posizione di rilievo nelle regioni del Meridione”. I beni confiscati all’imprenditore Vito Nicastri, su ordine del tribunale di Trapani, che erano stati sequestrati nel settembre 2010, sono 43 tra società e partecipazioni societarie; 98 immobili (palazzine, ville, magazzini e terreni); 7 beni mobili registrati (autovetture, motocicli e imbarcazioni); 66 disponibilità finanziarie (rapporti di conti correnti, polizze ramo vita, depositi titoli, carte di credito, carte prepagate e fondi di investimento), per un valore di un miliardo e trecento milioni. Alcuni beni erano intestati a familiari o a persone vicine a Nicastri.

Le indagini della Dia avrebbero ricostruito “il fitto reticolo patrimoniale degli ultimi trent’anni facendo rilevare l’esistenza di una consistente sperequazione tra i beni posseduti ed i redditi dichiarati”. Nicastri realizzava e vendeva, chiavi in mano, parchi eolici o  fotovoltaici. Secondo l’accusa l’imprenditore  era vicino a esponenti mafiosi di varie province: Palermo, Catania, Messina, e aveva avuto contatti con la ‘ndrangheta calabrese, in particolare con le ‘ndrine di Platì, San Luca e Africo del reggino.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook