Archiviato in | Politica, Politica Regionale

REGIONE SICILIANA: GRASSO RICEVUTO IN VISITA UFFICIALE DA CROCETTA

REGIONE SICILIANA: GRASSO RICEVUTO IN VISITA UFFICIALE DA CROCETTA

“Il presidente del Senato a Palermo in visita ufficiale al presidente della Regione Siciliana firma il libro d'onore. E durante una intervista su Canale 5 Crocetta critica il cantautore Franco Battiato”

Print Friendly, PDF & Email

Regione Siciliana. Il presidente del senato è giunto a Palazzo d’Orleans alle 11 e un quarto. E’ rimasto con il Presidente Crocetta per circa tre quarti d’ora in riunione privata. Poi è giunto in sala Alessi, dove, il Presidente della Regione ha consegnato al Presidente del Senato tre doni: un cesto di prodotti siciliani della tradizione pasquale, un crocifisso realizzato con il legno delle barche dei migranti giunti a Lampedusa, e una copia dello Statuto siciliano. Grasso ha mostrato di gradire quest’ultima ed ha chiesto che Crocetta vi apponesse data e firma snocciolando, poi, una grande conoscenza dello stesso statuto.L’incontro è stato fissato dopo le parole pronunciate dall’ex assessore regionale Franco Battiato, a Bruxelles, contro le donne in parlamento. Appena arrivato, il presidente del Senato ha lasciato un messaggio sul libro d’onore della Regione. “Ritorno nella mia Sicilia per la prima volta da presidente del Senato e ho voluto come primo atto rendere omaggio al presidente della Regione siciliana Rosario Crocetta, abbracciandolo come rappresentante di tutti i siciliani che non ho mai dimenticato e non dimenticherò mai, pur avendomi le mie varie funzioni portato spesso fuori dalla mia terra. Sappiano tutti i siciliani che sono orgoglioso di essere siciliano e italiano”.

Questa mattina, durante la trasmissione televisiva “La Telefonata” condotta da Maurizio Belpietro, su Canale 5, il presidente Crocetta è ritornato sulla revoca di Franco Battiato: “Onestamente Franco non doveva dire quelle cose. Pur amando follemente l’artista Battiato dovevo dare quella risposta al Parlamento”. E poi continua: “Ho chiesto scusa perchè anch’io mi sento responsabile”, ma “un conto è governare e un conto fare l’artista”. All’inizio “pensavo di affrontare in modo nuovo la crisi. Non avevo la maggioranza. Figure non riconducibili ai partiti pensavo mi avrebbero aiutato nello sforzo. È stato così ma ora la situazione sta cambiando, sta cominciando ad emergere quello che vogliamo e stiamo facendo, iniziano a cadere gli steccati”. Anche sulla revoca dello scienziato Antonio Zichichi da assessore ai Beni culturali Crocetta ribadisce: “Era sempre a Ginevra. Se in Italia non firmi un quintale di carte al giorno non puoi governare. Avrebbe dovuto essere presente almeno un paio di giorni a settimana a Palermo. Il settore dei Beni Culturali era fermo e in Sicilia è una specie di ministero”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook