Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: CLAN SANTAPAOLA, SETTE ARRESTI PER GLI OMICIDI TRA IL 1995 E IL 2009

CATANIA: CLAN SANTAPAOLA, SETTE ARRESTI PER GLI OMICIDI TRA IL 1995 E IL 2009

“L'inchiesta è partita dalle dichiarazioni del pentito Santo La Causa che ha ricostruito gli omicidi di mafia dal 1995 al 2009. Stamane all’alba il blitz dei carabinieri tra Catania, Milano e Lecce che ha determinato i sette arresti”.

Print Friendly, PDF & Email

Catania. Grazie alle indagini dei Carabinieri del comando provinciale di Catania, Milano e Lecce i militari hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal gip etneo, nei confronti di sette appartenenti al clan Santapaola-Ercolano. Gli inquirenti hanno ricostruito le dinamiche e i moventi di quattro omicidi commessi a Catania tra il 1995 ed il 2009. L’inchiesta, coordinata dalla Dda della Procura di Catania è stata incardinata sulle dichiarazioni del boss pentito Santo La Causa che ha rivelato fatti e segreti dei delitti irrisolti. Le indagini si inseriscono su attività di riscontro dei carabinieri del reparto operativo del comando provinciale dei carabinieri di Catania sulle dichiarazioni del boss Santo La Causa, reggente della cosca mafiosa dal 2006 al 2009. Secondo la tesi dell’accusa, le rivelazioni hanno fornito un contributo determinante per la risoluzione dei quattro omicidi, finora rimasti insoluti.

Infatti, le dichiarazioni del pentito hanno permesso di individuare i responsabili dell’omicidio di Vito Bonanno, avvenuto il 19 ottobre 1995, per i quale viene chiamato a rispondere, come mandante, Maurizio Zuccaro. Il Bonanno, era appartenente al clan del “Malpassotu” e fu ucciso davanti all’ “Etna Bar” di San Giovanni Galermo da Santo La Causa e da altri componenti del “gruppo di Zuccaro”, il quale volle punire Bonanno perché appartenente al “gruppo di Giuseppe Pulvirenti”, divenuto collaboratore di giustizia e, quindi, ritenuto traditore della “famiglia”.

Incolpati anche Fabrizio Nizza e Lorenzo Saitta per aver eseguito materialmente l’omicidio di Pietro Giuffrida, avvenuto il 22 agosto 1999. Il Giuffrida, ritenuto appartenente al “gruppo di Maurizio Zuccaro”, operante nella zona di Piazza San Cosimo, fu freddato in una sala giochi di via Santissima Trinità per contrasti all’interno della famiglia mafiosa connessi a prestiti ad usura e al traffico di droga a Piazza San Cosimo.

Gli avvisi del provvedimento di carcerazione sono arrivati anche per Carmelo Puglisi e Orazio Magrì, Il primo come mandante e il secondo come uno degli esecutori materiali per l’omicidio di Franco Palermo, avvenuto il 27 settembre 2009. Il Palermo, esponente di spicco dei “Cursoti gruppo di Giuseppe Garozzo”, fu ucciso davanti alla sala “Bingo” di Via Caronda a Catania per vendetta, infatti era ritenuto l’autore dell’omicidio di Giuseppe Vinciguerra, cugino di Orazio Magrì, ucciso il 7 aprile 2009.

Sono stati chiamati a rispondere di omicidio altri due personaggi: Mario Strano e Francesco Crisafulli. Il primo come mandante e il secondo come uno degli esecutori materiali per l’omicidio di Salvatore Pappalardo, avvenuto a Catania il 30 ottobre 1999. Sempre per l’omicidio di Pappalardo, componente storico della “famiglia”, consumato in Via Palermo, a Catania sono stati già condannati in via definitiva alla pena dell’ergastolo Alessandro Strano e Giustino Carmelo. Strano, responsabile del “gruppo di Monte Po”, all’epoca compagine egemone in seno a “Cosa Nostra” etnea, volle assicurarsi con tale delitto la leadership ed il controllo dei proventi illeciti derivanti dalle estorsioni, soprattutto nella zona industriale di Misterbianco (Ct) e dintorni. Il delitto fu il culmine di una lotta intestina alla famiglia dei Santapaola, incentrata sul controllo del gruppo più importante dell’organizzazione (Monte Pò) per numero di componenti e disponibilità finanziarie.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook